Dati Covid in tempo Reale

All countries
200,899,141
Confermati
Updated on 4 August 2021 23:05
All countries
179,162,518
Ricoverati
Updated on 4 August 2021 23:05
All countries
4,268,366
Morti
Updated on 4 August 2021 23:05

Prato. Muore a 99 anni e lascia eredità milionaria al canile e ad una Casa di Riposo

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – E’ stata discussa questa mattina in Commissione consiliare 2, presieduta da Lorenzo Tinagli e approderà in consiglio comunale questo pomeriggio, la delibera che prevede l’accettazione con beneficio d’inventario dell’eredità lasciata in parte anche all’amministrazione comunale da una cittadina pratese, deceduta lo scorso 4 novembre.

Nel testamento redatto risulta la suddivisione in parti uguali, di beni mobili e immobili, da destinare al canile “Il rifugio” del Comune di Prato e alla casa di cura santa Caterina di Ricci, adesso di proprietà della cooperativa Sarah.

L’accettazione con beneficio d’inventario, un atto dovuto, permetterà all’amministrazione di accertarsi della sua reale consistenza e del valore effettivo dando poi mandato al dirigente del servizio di mettere in atto le dovute procedure.

In primis, in collaborazione con i coeredi, di incaricare il notaio per quantificare il valore, fare l’inventario e la denuncia di successione.

“Per l’amministrazione questo è un atto dovuto – ha affermato in commissione l’assessore Cristina Sanzò presente insieme all’assessore al Patrimonio Gabriele Bosi -. La scelta che, grazie a questi fondi ereditati, ha deciso di compiere l’amministrazione è una scelta coraggiosa, cioè di utilizzarli per realizzare una nuova struttura che possa ospitare il canile. Nonostante i tanti e significativi interventi realizzati nel corso degli anni all’attuale struttura che oggettivamente però si trova in una zona infelice, è nostra volontà individuare un’area del comune per realizzare una nuova struttura in una località non soggetta a rischio idraulico e migliorativa da una punto di vista qualitativo per la vita dei cani, con più spazi e abitabilità, che lì dovranno spero solo transitare per un periodo più breve possibile. Questa donazione, la cui entità sarà definita al termine delle procedure, ci permetterà quindi di iniziare questo percorso, un percorso che sottolineo non era scontato in quanto avremmo potuto usare la cifra che arriverà anche soltanto come spesa corrente per le necessità dell’attuale struttura”.

È stato un gesto d’affetto e di riconoscenza per chi si occupa delle persone più fragili e di questo siamo profondamente grati.

Il presidente della Cooperativa sociale Sarah, proprietaria della RSA Santa Caterina de’ Ricci, è colpito dal gesto della signora Nida Mazzanti, morta quasi centenaria nel novembre scorso, che ha lasciato alla struttura metà dei propri beni.
“La signora non è stata nostra ospite e non frequentava la struttura – continua D’Agostino – Il suo lascito dunque ha il significato di un dono a un luogo storico di accoglienza, solidarietà e incontro per gli anziani della nostra città e questo ci colpisce profondamente e ci spinge e lavorare con ancora più impegno”.
Il presidente sottolinea che la solidarietà dei cittadini non è mai mancata alla residenza.
“Specialmente in un momento storicamente difficile come quello dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, la vicinanza dei pratesi è per noi un conforto e un sostegno – prosegue – Naturalmente useremo questo generoso dono per migliorare le attività della residenza, anche se ancora non abbiamo deciso i dettagli”.

Altre News

Articoli Correlati