Dati Covid in tempo Reale

All countries
156,797,599
Confermati
Updated on 7 May 2021 12:21
All countries
135,010,137
Ricoverati
Updated on 7 May 2021 12:21
All countries
3,272,244
Morti
Updated on 7 May 2021 12:21
spot_img

Prefetto Tagliente: Il linguaggio violento alimenta i comportamenti pericolosi di molti giovani

AgenPress. Il folle gioco su TikTok costato la vita a una bimba di 10 anni a Palermo. La bimba di un paese al confine tra le province di Lecce e Brindisi che tenta di impiccarsi a scuola e viene salvata dai compagni, centinaia di casi di bullismo elettronico e di comportamenti sociali violenti di natura fisica o psicologica, delinquenza minorile.  Fenomeni gravissimi da affrontare subito per individuare gli anelli deboli della catena della prevenzione.

Sul tema è intervenuto oggi il prefetto Francesco Tagliente con una riflessione, pubblicata a sua firma sul Quotidiano la Nazione, per ridurre i fattori di rischio che influiscono su alcuni comportamenti pericolosi di molti giovani,

“Impegniamoci a condividere un linguaggio idoneo a ridurre i fattori di rischio che influiscono su alcuni comportamenti pericolosi di molti giovani spesso vittime di persone adulte che li inducono a tenere comportamenti antisociali e delinquenziali.” Questo in sintesi il suo messaggio.

Ecco il testo della sua riflessione

“L’influenza del linguaggio e delle rappresentazioni della violenza sui comportamenti pericolosi di alcuni giovani

Che sta succedendo sui social network sempre più utilizzati dai minori? E’ possibile ridurre i fattori di rischio che influiscono su alcuni comportamenti pericolosi di molti giovani?

Sono fenomeni assai inquietanti quelli che, con sempre maggiore frequenza, si stanno manifestando sui social network utilizzati da alcuni minori, privi di strumenti per decodificare gli stimoli che gli arrivano

A determinate fasce di età, lo spirito di emulazione è tanto più forte quanto è più debole la capacità di selezionare, analizzare e distinguere.

Dobbiamo interrogarci su quali conseguenze possano determinare il linguaggio e le immagini di determinati cartoni, videogiochi, pubblicità, cinematografia e talvolta, purtroppo, programmi di informazione. Corpi trattati come manichini, trailer horror, videogiochi il cui obiettivo è uccidere e ancora uccidere.

Si tratta di una rappresentazione di emozioni negative che fanno parte dell’essere umano o di un’esposizione alla violenza? Di una forma di elaborazione dell’aggressività o di una forma di normalizzazione e di assuefazione alla violenza? Esiste un filo conduttore tra violenza su uno schermo ed emulazione? E’ un tema complesso, ma è uno spunto di riflessione al quale non possiamo sottrarci.

Basterebbe pensare al recentissimo, folle e tragico gioco hanging challenge, agli ormai non episodici casi di cutting che coinvolgono addirittura ragazzi meno che adolescenti, alle nuove forme di devianza minorile diffuse su internet attraverso forum, social, siti dedicati o altre forme di diffusione digitale come il bullismo elettronico.

Ciò che inizia come un gioco si trasforma in una sfida esasperata e, attraverso un processo emulativo propagato con forza dalla rete, i casi isolati finiscono per amplificarsi provocando finanche drammi e tragedie familiari.

In attesa che il legislatore valuti, per alcuni mezzi di comunicazione di massa, e per i grandi gestori delle piattaforme digitali (per i quali servirebbero norme sovranazionali, con regole precise e chiare di carattere almeno europee) forme idonee a disciplinare la comunicazione diretta ai giovani, potremmo iniziare a usare un altro linguaggio, antico e attuale allo stesso tempo, quello del rispetto dei principi e dei valori della nostra Costituzione. Un linguaggio che potrebbe contribuire a ridurre i fattori di rischio che influiscono su alcuni comportamenti pericolosi di molti giovani spesso vittime di persone adulte che li inducono a tenere comportamenti antisociali e delinquenziali.

Al linguaggio della violenza, io propongo il linguaggio del rispetto dei diritti e lo faccio, questa volta, confidando e non temendo la forza dell’emulazione.”

Il tema è all’attenzione anche dell’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (ANCRI). Il Prefetto Tagliente che del sodalizio è delegato alle relazioni istituzionali, insieme con il presidente Tommaso Bove e l’Ufficio di Presidenza da tempo hanno avviato una campagna di comunicazione – «Viaggio tra i valori e i simboli della Repubblica» volta a promuovere, i grandi valori richiamati dalla Costituzione repubblicana. A ciò concorrono le tante delegazioni del sodalizio, in Italia e all’estero, che vanno promuovendo momenti pubblici di riflessione per far conoscere l’importanza sociale di contrapporre il linguaggio del rispetto a quello della violenza. L’impegno delle 18 delegazioni estere dell’ANCRI viene assicurato con il coordinamento attivo dal Generale Alessandro Butticè  delegato del Sodalizio anche presso il Belgio, l’Unione Europea ed il Consiglio Atlantico.

 

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati