Dati Covid in tempo Reale

All countries
240,190,120
Confermati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
215,766,611
Ricoverati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
4,893,211
Morti
Updated on 14 October 2021 18:56

Processo Casamonica. Per i giudici è clan di mafia. 40 condanne, 400 anni di galera

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Una quarantina di condanne a carico di capi e affiliati del clan Casamonica. Lo hanno deciso dopo 7 ore di camera di consiglio i giudici della X sezione penale del Tribunale di Roma che hanno riconosciuto l’associazione di stampo mafioso per l’organizzazione criminale attiva nell’area est della Capitale. Tra i reati contestati anche l’estorsione, usura e detenzione illegale di armi. Un’impianto accusatorio che conferma quello della Direzione distrettuale antimafia della Capitale, rappresentata dai pm Giovanni Musarò e Stefano Luciani. Alla lettura del dispositivo, nell’aula bunker di Rebibbia era presente anche il procuratore aggiunto della Dda di Roma, Ilaria Calò.

Trent’anni di carcere è stata la condanna per Domenico Casamonica, uno dei capi dell’omonimo clan. Tra i condannati anche Giuseppe Casamonica (a 20 anni e 6 mesi), Luciano Casamonica (a 12 anni e 9 mesi), Salvatore Casamonica (a 25 anni e 9 mesi), Pasquale Casamonica (a 23 anni e 8 mesi) e Massimiliano Casamonica (a 19 anni e 4 mesi). Per tutti e sei, l’accusa chiedeva 30 anni di carcere.

Il processo è scaturito dall’indagine dei carabinieri “Gramigna” coordinata dai pm della Dda di piazzale Clodio. Per questa stessa vicenda, nel maggio del 2019, erano state disposte 14 condanne in abbreviato e tre patteggiamenti.

Il procuratore aggiunto della Dda di Roma Ilaria Calò commenta così la sentenza del maxi processo: “Decisione molto importante che conferma la validità dell’impostazione data dalla Dda e la serietà  del lavoro svolto da procura e polizia giudiziaria in questi anni”.

“Sentenza sconcertante, ma non sorprendente”, ha commentato l’avvocato Giosué Bruno Naso, difensore di diversi imputati, tra i quali Giuseppe e Domenico Casamonica, dopo la sentenza emessa dai giudici della Decima sezione penale del tribunale di Roma. “Faremo appello – ha detto il penalista – E sono curioso di vedere come verrà superata la sentenza della corte d’appello che ha deciso su coloro che avevano scelto il rito abbreviato. Per loro l’aggravante di mafia è caduta. C’è il rischio di un conflitto di giudicati”.

A differenza del Mondo di Mezzo, quell’ecosistema criminale che aveva messo le mani su Roma ma che secondo la Cassazione non rappresentava un’associazione mafiosa, al sistema Casamonica può applicarsi il 416 bis del codice penale: intimidazioni, omertà, delitti per controllare il territorio e le sue attività sono stati riscontrati. E ora le nuove condanne (dopo le 14 in rito abbreviato e i tre patteggiamenti nel maggio del 2019), sono un altro colpo al clan, che disponeva di numerosi capannoni, ville e villette con piscina, anche abusive, in parte distrutte e in parte confiscate e assegnate a realtà sociali.

Altre News

Articoli Correlati