Dati Covid in tempo Reale

All countries
200,899,141
Confermati
Updated on 4 August 2021 23:05
All countries
179,162,518
Ricoverati
Updated on 4 August 2021 23:05
All countries
4,268,366
Morti
Updated on 4 August 2021 23:05

Stupro di gruppo. Il figlio di Beppe Grillo e altri 3 amici verso il rinvio a giudizio

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Ciro Grillo, il figlio ventenne di Beppe Grillo, e tre suoi amici sono formalmente indagati per violenza sessuale in concorso. Le indagini condotte dal procuratore di Tempio Pausania, Gregorio Capasso, e dalla sostituta Laura Bassani sono concluse.

A oltre un anno dalla denuncia formulata in una caserma dei carabinieri di Milano da una ragazza di 20 anni appena rientrata dalle vacanze in Sardegna, la vicenda giudiziaria – come riportano Repubblica, l’Unione Sarda e la Nuova Sardegna – che coinvolge il figlio del fondatore del Movimento 5 Stelle è a una svolta e la Procura è pronta per chiedere il rinvio a giudizio nei confronti di Ciro Grillo, Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria.

La 19enne sostiene di essere stata abusata e violentata, a turno, dai ragazzi. Che dal canto loro parlano di “sesso consenziente”. Secondo quanto riportato da Repubblica, il procuratore Gregorio Capasso ha terminato le indagini e chiederà il rinvio a giudizio. L’analisi del caso è durata 16 mesi, i quali non sono bastati a togliere dal tavolo l’accusa di violenza sessuale di gruppo per Grillo e i suoi tre amici.

Nelle ultime settimane, ha sottolineato ancora il quotidiano, la ragazza è stata nuovamente ascoltata dagli inquirenti. In quelle occasioni avrebbe fornito gli ultimi tasselli necessari a ricomporre un puzzle delicatissimo, sia per la natura del reato che per le possibili implicazioni politiche. La procura ha inviato la notifica alle difese e messo a disposizione il materiale agli atti. Materiale formato da trascrizioni, documenti e immagini, frutto di un complicato lavoro tecnologico sulle memorie dei telefoni di vittima e indagati, oltre a varie altre testimonianze.

Una volta esaminati i cellulari, il procuratore Capasso ha nuovamente sentito l’universitaria, la quale ha confermato il racconto fornito ai carabinieri. Avrebbe rifiutato di avere un rapporto con un primo ragazzo e sarebbe stata stuprata; in seguito anche gli altri giovani avrebbero abusato di lei.

 

 

 

Altre News

Articoli Correlati