Ucraina. La Russia “saccheggia” l’acciaio diretto in Europa e nel Regno Unito per un importo di 600mln di dollari

- Advertisement -

AgenPress – La Russia sta saccheggiando acciaio per 600 milioni di dollari (500 milioni di sterline) da stabilimenti e porti in Ucraina, secondo il capo della più grande azienda siderurgica ucraina Metinvest.

L’azienda possiede lo stabilimento Azovstal che è diventato l’ultimo ostacolo di soldati e civili ucraini durante la devastazione della città di Mariupol.

- Advertisement -

L’amministratore delegato Yuriy Ryzhenkov ha affermato che l’acciaio è stato trasferito in Russia e venduto, alcuni dei quali erano stati destinati a clienti nel Regno Unito. Il Cremlino non ha commentato.

Metinvest ha sede a Mariupol, un centro per il commercio e la produzione, che dopo quasi tre mesi di incessante assalto, a maggio è caduto in Russia.

Ryzhenkov ha affermato che 300 dipendenti e 200 parenti di dipendenti sono stati uccisi nell’assalto allo stabilimento di Azovstal, che insieme al suo stabilimento gemello Ilyich rappresentava il 40% di tutta la produzione di acciaio dell’Ucraina.

- Advertisement -

Migliaia di tonnellate di acciaio sono state pagate da clienti europei, tra cui alcuni nel Regno Unito.

Ha affermato che fonti pubbliche e gli stessi informatori dell’azienda hanno riferito che l’acciaio veniva trasferito in Russia e venduto nei mercati interni o in paesi dell’Africa e dell’Asia.

“Quello che stanno facendo è fondamentalmente saccheggiare. Stanno rubando non solo i nostri prodotti, ma anche alcuni di questi prodotti appartengono già ai clienti europei. Quindi, in pratica, non stanno solo rubando da noi, stanno rubando dal Anche gli europei”, ha detto Ryzhenkov alla BBC.

Ha detto che la società stava documentando quanto più possibile il furto e si stava preparando a intraprendere azioni legali future.

“Ad un certo punto, i russi dovranno affrontare non solo i tribunali internazionali, ma anche i tribunali penali. E li inseguiremo con tutto ciò che abbiamo”.

Il professor Marko Milanovich, esperto di diritto internazionale all’Università di Reading, afferma che esistono diverse opzioni per portare avanti un caso, ma le prospettive di successo sono meno certe.

“Qualunque opzione legale scelga Metinvest, è un processo molto difficile e mentre il saccheggio è purtroppo abbastanza comune nei conflitti, citare in giudizio lo stato di saccheggio e ottenere un risarcimento è davvero molto, molto raro”, ha detto alla BBC.

“Tuttavia, potrebbero desiderare una soddisfazione simbolica più dei soldi, e etichettare la Russia come un trasgressore della legge sarebbe un grosso problema”.

Come molte aziende ucraine, Metinvest è diventata un’organizzazione in parte militare e in parte umanitaria. Ryzhenkov ha affermato che i suoi lavoratori siderurgici sono diventati importanti quanto i soldati per lo sforzo bellico ucraino.

“La nostra azienda produce giubbotti antiproiettile, forniamo acciaio per bunker sotterranei, forniamo acciaio per veicoli blindati. Ecco perché le persone che lavorano nelle acciaierie sono importanti per la vittoria ucraina quanto i combattenti in prima linea”.

Sebbene lo stabilimento di Azovstal sia stato praticamente distrutto durante l’assedio russo, ha detto di essere fiducioso che sarebbe arrivato il giorno in cui sarebbe tornato ad essere una struttura di proprietà ucraina.

“Sono positivo. Per come la vedo io la Russia ha già perso questa guerra ed è solo questione di tempo quando se ne rendono conto. I russi non hanno bisogno di Mariupol, non hanno bisogno del Donbas. Hanno bisogno di tutta l’Ucraina o niente, il che significa che anche se si fermassero ora, l’Ucraina se la riprenderà. È solo questione di tempo”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati