Home Estero Ucraina. Russi si ritirano da aeroporto Gostomel. Distrutto il “Mriya”, l’areo più...

Ucraina. Russi si ritirano da aeroporto Gostomel. Distrutto il “Mriya”, l’areo più grande al mondo

0
158

AgenPress –  Le forze russe si sarebbero ritirate dall’aeroporto di Gostomel vicino alla capitale ucraina Kiev, che è stato teatro di battaglia dall’inizio del conflitto, stando all’intelligence militare britannica.  “Le forze ucraine continuano ad avanzare mentre quelle russe sono in ritirata, nelle vicinanze di Kiev” afferma il ministero britannico della Difesa. 

Prima di ritirarsi hanno distrutto l’ammiraglia dell’aviazione ucraina: il leggendario Antonov 225 “Mriya”. 

L’aereo Antonov AN225 Mriya è stato costruito nel 1985 da Antonov nella Repubblica Socialista Sovietica Ucraina, nell’URSS all’epoca. È l’aereo più pesante mai costruito e ha l’apertura alare più lunga. L’aereo è stato originariamente costruito per trasportare i veicoli di lancio della prevista navicella spaziale Buran, la risposta sovietica allo space shuttle statunitense, ma quel programma spaziale non mai ha visto la luce del giorno. Pertanto, l’aereo è stato utilizzato come aereo cargo, impiegato principalmente per scopi di trasporto aereo cargo strategico, per trasportare macchinari grandi e pesanti che altri aerei non possono trasportare.

L’Ucraina farà ogni sforzo per garantire che lo stato aggressore paghi per questi lavori.

La Russia ha colpito il Mriya come simbolo delle capacità aeronautiche dell’Ucraina. An-225 “Mriya” – gigante dell’aviazione, che detiene i record per il trasporto del più grande carico commerciale e il più lungo e pesante nella storia del monocarico dell’aviazione, capacità di sollevamento. Sfortunatamente, queste opzioni oggi vanno perse, tuttavia verranno sicuramente ripristinate. 

I russi hanno distrutto l’aereo, ma non saranno in grado di distruggere il nostro sogno comune. Mriya rinascerà sicuramente. Si stima che il restauro richiederà oltre 3 miliardi di dollari e oltre 5 anni. Il nostro compito è garantire che questi costi siano coperti dalla Federazione Russa, che ha causato danni intenzionali all’aviazione ucraina e al settore delle merci aviotrasportate.

La Russia ha distrutto il nostro “Mriya” (tradotto lateralmente come “sogno al tornio”), ma il sogno dell’Ucraina di liberarsi dall’occupante non può essere distrutto. Combatteremo per la nostra terra e la nostra casa fino alla vittoria. E dopo la vittoria, finiremo definitivamente il nostro nuovo “Mriya”, che lo aspetta in un luogo sicuro da molti anni. Tutto sarà Ucraina!” Yuriy Husyev ha detto, Direttore Generale di Ukroboronprom.

Al momento dell’invasione, l’AN-225 Mriya era in riparazione all’aeroporto di Gostomel, quindi non ha avuto il tempo di lasciare l’Ucraina.