Dati Covid in tempo Reale

All countries
163,207,286
Confermati
Updated on 16 May 2021 08:43
All countries
142,652,827
Ricoverati
Updated on 16 May 2021 08:43
All countries
3,384,545
Morti
Updated on 16 May 2021 08:43
spot_img

Usa. Capo lobby armi spara ad elefante, la moglie ne uccide un altro e gli taglia la coda

AgenPet – Animalisti sul piede di guerra contro un video pubblicato  martedì dal New Yorker e The Trace mostra il capo della National Rifle Association (è un’organizzazione che agisce in favore dei detentori di armi da fuoco degli Stati Uniti d’America) e sua moglie che sparano a due elefanti  in pericolo di estinzione in Botswana nel 2013.

I notiziari hanno affermato di aver ottenuto una copia del video, che era stato originariamente girato per una serie televisiva sponsorizzata dalla NRA ma mai trasmesso per motivi di pubbliche relazioni.

Nel video di 10 minuti, Wayne LaPierre Jr., vicepresidente esecutivo della NRA,  viene visto sparare e ferire un elefante della savana che le sue guide hanno seguito per lui nel Delta dell’Okavango in Botswana. Il video mostra LaPierre che non riesce a uccidere l’animale con tre colpi a bruciapelo mentre l’animale giace immobile a terra.

Poi si innervosisce per non essere riuscito ad ucciderlo e a quel punto interviene un secondo cacciatore che finisce l’elefante.

In seguito, le guide danno una pacca sulla spalla a LaPierre, dicendo “ben fatto”, “congratulazioni” e “è stata una caccia all’elefante”.

Gli elefanti della savana sono stati spostati in uno stato di pericolo  quest’anno nella Lista rossa delle specie minacciate di estinzione dell’Unione internazionale per la conservazione della natura, un’autorità globale sullo stato delle specie, secondo il Center for Biological Diversity, un’organizzazione no profit con sede negli Stati Uniti che lavora per proteggere le specie in via di estinzione. .

“Gli elefanti della savana sono stati appena dichiarati in pericolo da esperti internazionali, e questi esseri intelligenti non dovrebbero certamente essere usati come bersagli di carta da un tiratore inetto”, ha detto in una dichiarazione Tanya Sanerib, direttore legale internazionale presso il Center for Biological Diversity.

“È disgustoso vedere il brutale e goffo massacro di LaPierre di questa bellissima creatura. Nessun animale dovrebbe soffrire in questo modo. Siamo nel mezzo di un’epidemia di bracconaggio e ricchi cacciatori di trofei come il capo della NRA stanno sparando agli elefanti mentre la comunità internazionale chiede sanzioni più rigide per i bracconieri: quale messaggio invia? “

La seconda metà del video mostra le guide che aiutano Susan LaPierre a sparare a un altro elefante. Mentre spara il primo colpo, l’elefante cade a terra. Ne spara un altro nello stomaco dell’elefante prima di tagliare la coda dell’elefante e portarlo alla telecamera.

“Vittoria”, dice, aggiungendo, “Questa è la mia coda di elefante. Molto bello.”

People for the Ethical Treatment of Animals, un’organizzazione per i diritti degli animali con sede negli Stati Uniti, ha invitato il Congresso a “guardare il video, condannare l’omicidio di animali per le loro parti del corpo da parte di tossicodipendenti da trofei e avere il coraggio di rifiutare i soldi dell’NRA”.

“Dietro l’atteggiamento maschilista dell’NRA ci sono piccoli uomini spaventati che pagano decine di migliaia di dollari perché qualcun altro rintracci gli elefanti in modo che possano sparargli in modo inetto a distanza ravvicinata”, ha detto in una dichiarazione il presidente della PETA Ingrid Newkirk, aggiungendo che l’elefante “è morto orribilmente.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati