Manovra. Paolo Capone, Leader Ugl: “Misure del Governo insufficienti. Necessari nuovi investimenti per favorire la crescita economica”

515

Agenpress.“Ribadiamo la nostra contrarietà ad una manovra del Governo che è nemica dei lavoratori e delle imprese: con 30 miliardi si provoca soltanto una crescita dello 0.2 del Pil, ed è inaccettabile. Inoltre, il timido taglio del cuneo fiscale non sarà percepito in busta paga e non favorirà la crescita economica del Paese.”

Lo ha dichiarato in una nota Paolo Capone, Segretario Generale dell’Ugl.

“Le misure previste dall’attuale maggioranza non rispecchiano la realtà e non danno risposte alla crisi economica che l’Italia sta attraversando. Per sostenere la ripresa occorrono nuovi investimenti e non politiche recessive fondate sull’austerity.”