Eurogruppo. Gualteri, è il momento della responsabilità comune e di scelte coraggiose e condivise

365

Agenpress – “Nonostante i progressi nessun accordo ancora all’Eurogruppo. Continuiamo a impegnarci per una risposta europea all’altezza della sfida del Covid19”, ha scritto in un tweet il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, invitando alla responsabilità e sottolinea la necessità di assumere scelte coraggiose, dopo che ieri sera l’Eurogruppo si è impantanato sugli eurobond. “È il momento della responsabilità comune – sottolinea il ministro – della solidarietà e delle scelte coraggiose e condivise”

Lo scoglio per ora insuperato è sempre la creazione di un fondo speciale che emetta una obbligazione comune con la garanzia degli Stati per raccogliere capitali (pari al 3% del pil) con quali finanziare la ripresa economica.

Una fonte europea ha indicato che sono stati preparati, corretti e riscritti innumerevoli documenti dagli sherpa, poi sottoposti ai ministri dell’Eurogruppo senza riuscire a trovare un equilibrio accettabile per tutti. È massima la resistenza di Germania, Olanda e Austria a compiere la scelta di mutualizzare il debito futuro ai soli fini dell’uscita dalla grave recessione nella quale sono avvitati tutti gli Stati (pur con intensità diversa).

Quattro le proposte sul tavolo: su tre c’è un’intesa di massima. Si tratta dell’operazione Bei da 200 miliardi per le imprese che si aggiungono a 40 miliardi già decisi per le Pmi; del piano antidisoccupazione della Commissione per il sostegno alle casse integrazioni nazionali per 100 miliardi; del ruolo del fondo salva-Stati con 240 miliardi per prestiti.

La quota italiana sarebbe 39 miliardi, ma l’Italia si è presentata al negoziato insistendo sulla necessità di non prevedere alcuna convenzionalità, neppure quella ‘light’ sulla quale la Germania alla fine si è detta d’accordo.