Fase 2. Alberghi, uno su cinque a rischio fallimento. Dati di Cerved Rating Agency

760

Agenpress – Cerved Rating Agency identifica il comparto alberghiero fra quelli più a rischio , un hotel su cinque rischia di non riaprire dopo l’emergenza COVID-19.

C’era da prevederlo afferma Roberto Necci Chairman del gruppo Necci Hotels , i dati del Cerved confermano solo quello che noi addetti al settore diciamo da mesi, senza un aiuto concreto, che non può essere un mero slittamento delle tasse o una garanzia per nuovi debiti, il nostro settore rischia di essere spazzato via.

La chiusura delle aziende tuttavia significa non solo la perdita dell’investimento ma anche la scomparsa di posti di lavoro che difficilmente potranno essere ricollocati e l’assistenza per queste persone avrà un costo sociale inimmaginabile.

Abbiamo da mesi richiesto dei seri interventi sul nostro settore, continua Roberto Necci, comprensivi anche del fondo perduto strumento che mai abbiamo richiesto e che in questa occasione ci sembra essere l’unica via possibile per mantenere in vita un settore che può essere leva di ripartenza della nostra economia.

Il turismo è componente fondamentale nella nostra bilancia dei pagamenti e senza tale apporto vedo con estrema difficoltà la ripresa del PIL.