Coronavirus. Zampa, nessuno di noi sta pensando alla chiusura totale del paese

492
La sottosegretaria alla Salute On. Sandra Zampa

AgenPress –  “In questo momento nessuno di noi sta pensando al lockdown del paese, dobbiamo fare in modo che questo non avvenga, e questo si può fare agendo sui comportamenti, meglio rinunciare ad una cena o andare a trovare gli amici. Ce la possiamo fare, quello che conta adesso è il numero dei tamponi, che oggi sono molti di più rispetto a marzo, prendere in carico presto i pazienti e tracciare i contatti”.

Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa a RaiNews24.

“In questo momento a me non risulta, ma non significa che non possa essere uno dei punti della discussione tra ministro, presidente del Consiglio e ministro degli Interni. Certamente per molte persone l’allarme va dato perché così ne derivano comportamenti virtuosi. Io ritengo che i comportamenti devono essere ispirati alla razionalità, abbiamo anche l’esigenza di convivere con il virus, non creare uno stato in cui diventa tutto impossibile, questo produce grandi danni, anche alla salute”.

I numeri di questi giorni secondo Zampa sono diversi da quelli di marzo. “Questi numeri vanno letti in percentuale sul numero dei tamponi, altrimenti si rischia di consegnare un allarme eccessivo – ha spiegato – la percentuale di positivi sui tamponi è poco superiore al giorno prima, anche se il numero di casi è cresciuto”.