Covid, Baldassarre (Lega), sul vaccino si gioca il futuro di tutti, più trasparenza da Ue

273

AgenPress. “L’Europa sul vaccino non può sbagliare. Chiediamo trasparenza per tutelare i cittadini. La politica faccia il suo mestiere. E la Commissione risponda alle nostre domande”. Così Simona Baldassarre, medico ed eurodeputata della Lega, nel suo intervento durante la sessione plenaria del Parlamento Europeo.

“La Ue è travolta per la seconda volta dalla pandemia del Covid-19: oltre 13 milioni i tamponi positivi confermati nel continente, anche se poco sappiamo quanti siano i soggetti unici, gli asintomatici, i casi gravi, i tempi di degenza e la rotazione dei ricoveri e in terapia intensiva e abbiamo scarse e fuorvianti indicazioni sul numero dei soggetti che hanno sviluppato immunità.

Come se non bastasse, le informazioni sulle stratificazioni cliniche sono scarse, e tutto ciò crea una situazione allarmante. Le nostre economie sono messe a dura prova, ai cittadini sono stati chiesti enormi sacrifici con modalità spesso discutibili visti anche i risultati ottenuti. L’Ue, come abbiamo denunciato più volte, non è stata e non è all’altezza della situazione. Alle nostre richieste, la Commissione ha saputo solo comunicare in modo vago e superficiale.

Ora, sui vaccini non si può fallire ancora. Dobbiamo conoscere ogni fase: chi lo produce, gli interessi che lo riguardano, gli effetti sulla salute delle persone. Vogliamo sapere come sono stati spesi i 660 milioni destinati dalla Commissione a sviluppo di vaccini, nuove cure, test diagnostici e sistemi medici. Chiarezza sugli accordi di acquisto anticipato che Ursula Von der Leyen sta concludendo. E, soprattutto, non potranno esserci cittadini di serie A e serie B nella distribuzione negli Stati membri.

L’arrivo di più vaccini, peraltro alcuni fondati su tecnologie innovative, è confortante, nella speranza che siano sicuri ed efficaci. Ma la politica deve fare la sua parte: evitiamo ulteriori errori e garantiamo libertà e sicurezza per tutti”.