Oms, aprire le scuole, rischio contagio limitato. Picnic natalizio al parco con i propri cari

237

AgenPress –  “Come Ministra sono convinta che dobbiamo fare ogni possibile sforzo per tenere le scuole aperte. È un nostro dovere garantire un’istruzione di qualità alle nostre studentesse e ai nostri studenti”.

Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che ha incontrato  i rappresentanti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dell’UNESCO, per confrontarsi sull’evoluzione della pandemia in ambito scolastico, erano presenti, per l’OMS, il direttore regionale per l’Europa, Hans Kluge, e il direttore vicario, dell’OMS, Ranieri Guerra. Per l’UNESCO ha partecipato il Direttore delle Politiche per l’apprendimento permanente, Borhene Chakroun.

Per l’Italia, oltre alla Ministra, hanno partecipato il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, il Coordinatore del Comitato tecnico-scientifico per l’emergenza, Agostino Miozzo, il Presidente della Società Italiana di Pediatria, Alberto Villani, il Direttore dell’INAIL, Sergio Iavicoli.

L’OMS, sulla base di dati e informazioni aggiornati, ha affermato che l’impatto dei contagi nelle scuole risulta essere limitato, che la trasmissione tra gli studenti avviene soprattutto fuori da scuola e che la probabilità di contagio risulta più bassa nei bambini. È stata ribadita l’opportunità di rendere i provvedimenti di chiusura delle scuole il più possibile limitati e circoscritti.

“Sarà un Natale diverso, ma ciò non significa che non possa essere felice”,  ha detto Hans Kluge, direttore dell’ufficio europeo dell’Oms, invitando alla prudenza durante le festività e facendo l’esempio delle recenti celebrazioni del ramadan e di Diwali, la festa indiana delle luci, durante le quali “le persone si sono rivolte alla tecnologia per riunirsi, con celebrazioni online”.

“Trascorrete le feste natalizie con chi vi è vicino ma se si tratta di un grande raduno, con persone vulnerabili, è meglio rimandare finché non sarà possibile farlo in sicurezza”, ha proseguito Kluge, lanciando la proposta del picnic di Natale. “Nonostante il freddo – ha detto – se le restrizioni locali lo consentono, riunisciti con i tuoi cari all’aperto, per un picnic nel parco”.