Garante privacy: informativa di WhatsApp poco chiara

118

AgenPress. Secondo il Garante della Privacy, il messaggio con il quale WhatsApp ha avvertito i propri utenti degli aggiornamenti che verranno apportati, dall’8 febbraio, nei termini di servizi, in particolare riguardo alla condivisione dei dati con altre società del gruppo, sono poco chiari e intelligibili.

“Bene, si faccia subito chiarezza!” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“WhatsApp è molto usata, anche da consumatori non superdigitalizzati, quindi l’informativa deve essere superchiara. Bene che si intervenga anche in via d’urgenza, così che si possa eventualmente rimediare prima dell’8 febbraio, tutelando così gli utenti” conclude Dona.