Fatebenefratelli e Fondazione Don Caccia al servizio della mamma e del bimbo

57

AgenPress. L’Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba e la fondazione don Silvano Caccia hanno sottoscritto una convenzione per attivare una collaborazione diretta tra il reparto di ginecologia e ostetricia del nosocomio e il consultorio erbese della fondazione.

«Noi offriamo la figura di un medico specialista ostetrico e di una ostetrica per costruire un’attività di collaborazione diretta con i servizi ostetrici della fondazione e, in prospettiva, integrarne i servizi di attività psicologica con il nuovo servizio di psicologia perinatale che è nato ad Erba con la dottoressa Ileana Salemi» spiega il primario, Francesco Bernasconi.

La fondazione don Caccia opera con consultori privati a Erba, Merate, Cantù e Lecco, dove offre servizi di prevenzione e diagnosi delle patologie ostetrico ginecologiche, concentrandosi nel contrasto al disagio materno perinatale. «Da sempre la nostra Fondazione pensa al sostegno delle famiglie, alle necessità e alle domande di cui sono portatrici nel tempo presente, individuando spazi nuovi e propri dell’attività consultoriale, promuovendo un’attenzione più consapevole nei confronti delle funzioni dei servizi alla famiglia e della loro organizzazione.

La necessità era quella di poter contare su eccellenti professionisti delle salute, soprattutto in ambito della ginecologia ostetricia, che però condividessero i nostri valori e obbiettivi: chi meglio dei Fatebenefratelli?!» dichiara a questo proposito don Giovanni Afkner, Presidente della Fondazione don Silvano Caccia.

«Due Enti di ispirazione cattolica, al servizio e a favore della vita, non potevano non trovare nuove forme di collaborazione per il futuro. Il nostro Ospedale vuole continuare a essere un riferimento importante per il territorio e questa partnership ci permette di dare nuovo slancio alle nostre attività rivolte alle donne; sempre più metteremo al servizio del territorio le importanti novità e innovazioni in ambito ginecologico introdotte di recente all’interno del nostro Presidio» commenta il Priore dell’ospedale erbese, fra Giampietro Luzzato.