Home Estero Afghanistan. 28.500 bambini uccisi dal 2005. Unicef, fare ogni sforzo per metterli...

Afghanistan. 28.500 bambini uccisi dal 2005. Unicef, fare ogni sforzo per metterli al sicuro dal male

0
57

AgenPress – Oltre 28mila bambini sono stati uccisi nei conflitti dal 2005 in Afghanistan, ha detto venerdì in un comunicato stampa l’UNICEF (United Nations Children’s Fun).

“L’Afghanistan ha il numero più alto di vittime di bambini verificate dal 2005, a più di 28.500 – che rappresentano il 27 percento di tutte le vittime di bambini verificate a livello globale”

L’Afghanistan, lo Yemen, la Siria e l’Etiopia settentrionale sono i luoghi in cui i bambini hanno pagato un prezzo devastante per il protrarsi dei conflitti armati, della violenza intercomunale e dell’insicurezza, ha affermato l’UNICEF.

“Anno dopo anno, le parti in conflitto continuano a dimostrare un terribile disprezzo per i diritti e il benessere dei bambini”, ha affermato il direttore esecutivo dell’UNICEF Henrietta Fore. “I bambini stanno soffrendo e i bambini stanno morendo a causa di questa insensibilità. Dovrebbe essere fatto ogni sforzo per mantenere questi bambini al sicuro dal male”.

Secondo la dichiarazione, le Nazioni Unite hanno verificato 266.000 casi di gravi violazioni contro i bambini in più di 30 situazioni di conflitto in Africa, Asia, Medio Oriente e America Latina negli ultimi 16 anni. La dichiarazione afferma che questi sono solo i casi verificati dai meccanismi di monitoraggio e segnalazione guidati dalle Nazioni Unite, il che significa che le cifre reali potrebbero essere molto più alte.

L’UNICEF afferma che finora non sono disponibili dati sulle gravi violazioni contro i bambini nel 2021, ma nel 2020, le Nazioni Unite hanno verificato 26.425 gravi violazioni contro i bambini.

L’UNICEF ha invitato “tutte le parti in conflitto” ad adottare misure concrete per proteggere i bambini.

“Alla fine, i bambini che vivono attraverso la guerra saranno al sicuro solo quando le parti in conflitto intraprenderanno azioni concrete per proteggerli e smettere di commettere gravi violazioni”, ha affermato Fore. “Invito tutte le parti in conflitto a porre fine agli attacchi contro i bambini, a difendere i loro diritti e ad adoperarsi per soluzioni politiche pacifiche alla guerra”.

Nel frattempo, l’Associated Press ha riferito che nell’Afghanistan occidentale un padre ha venduto sua figlia di 10 anni in matrimonio senza dire a sua madre di sfamare la sua famiglia di cinque membri.

Aziz Gul, la madre della ragazza, ha descritto la sua disperazione nell’apprendere la notizia: “Il mio cuore ha smesso di battere. Avrei voluto morire in quel momento, ma forse Dio non voleva che morissi”.

Gul ha radunato suo fratello e gli anziani del villaggio e con il loro aiuto ha assicurato un “divorzio” per Qandi, a condizione che ripaghi i 100.000 afghani (circa $ 1.000) che suo marito ha ricevuto, ha riferito AP.