Dati Covid in tempo Reale

All countries
347,426,859
Confermati
Updated on 22 January 2022 13:46
All countries
274,735,174
Ricoverati
Updated on 22 January 2022 13:46
All countries
5,605,259
Morti
Updated on 22 January 2022 13:46

Afghanistan. Drammatica la situazione negli ospedali. Madri disperate: non abbiamo cibo e medicine

- Advertisement -

AgenPress – “Non c’è spazio all’interno”, grida un lavoratore ospedaliero assediato mentre cerca di respingere una folla frenetica di madri e bambini che sperano di ricevere pacchi nutrizionali.

“È così ogni giorno”, ci urla sopra le loro teste, “è stato così negli ultimi quattro o cinque mesi… È stato brutto anche l’anno scorso, ma non così”.

- Advertisement -

La guerra in Afghanistan è finita, ma la sua economia è al collasso e in questo ospedale, nella remota e centrale provincia di Ghor, stanno lottando per far fronte alle ricadute.

Il sostegno internazionale, che sosteneva il precedente governo, è stato ritirato dopo l’acquisizione dei talebani ad agosto, mentre le riserve estere del paese, pari a circa 10 miliardi di dollari, sono state congelate, principalmente dagli Stati Uniti.

L’Afghanistan ha visto aumentare la disoccupazione e i prezzi dei generi alimentari, mentre il valore della sua valuta sta precipitando e le banche hanno fissato limiti ai prelievi di contanti.

- Advertisement -

Per le donne al di fuori del centro di triage per la malnutrizione a Ghor, la vita è sempre stata difficile, ma ora sta diventando ancora più difficile.

“Non abbiamo niente, niente cibo. I miei figli sono malati e non abbiamo medicine”, supplica una madre. “Perché non riceviamo alcun aiuto?”

Ci sono il doppio dei casi ora rispetto a questo periodo dell’anno scorso, ci dice un medico anziano.

All’interno di una piccola stanza, un’infermiera avvolge un metro intorno al braccio simile a un bastone di un bambino. Indica “rosso” – il bambino è gravemente malnutrito.

Stanno assistendo a un forte aumento dei casi di malnutrizione qui e in tutto il paese, con madri e neonati in particolare incapaci di ottenere cibo a sufficienza. L’ONU ha avvertito che un milione di bambini rischiano di morire di fame nei prossimi mesi.

Al reparto di malnutrizione, lo spazio sta finendo. “In questo momento, abbiamo due bambini e le loro madri in un letto singolo”, mi dice Dama, un’infermiera. “A volte ne abbiamo tre.”

Le temperature possono scendere ben al di sotto dei -10°C di notte, ma c’è solo abbastanza legna nel riscaldatore per durare un paio d’ore al giorno.

Sotto il governo precedente, anche l’ospedale aveva scarse risorse, ma almeno il Ministero della Salute era in grado di fornire loro abbastanza carburante. Ora, con i fondi tagliati, il governo dei talebani semplicemente non ha i soldi.

Le scorte di medicinali, per ora, sono però ancora pericolosamente basse. Hanno solo circa una settimana rimasta, quindi alla maggior parte dei pazienti viene detto di acquistare il proprio dalle farmacie vicine.

“Non abbiamo niente… niente medicine”, dice il dottor Safar, con la voce rotta dall’emozione mentre mostra una ricetta che sta scrivendo, “stiamo soffrendo, a volte piangiamo”.

“Il mio messaggio alla comunità internazionale è: questa è la peggiore situazione che abbiamo mai dovuto affrontare… per favore inviateci aiuti umanitari. Negoziate con l’emirato islamico [il governo talebano] e sbloccate le loro riserve estere”, dice il dottore Parsa, direttore dell’ospedale.

Non è solo un aumento della malnutrizione a cui il personale ospedaliero sta assistendo, ma anche di casi di polmonite grave con l’arrivo dell’inverno.

“Non abbiamo carburante, scialli o vestiti caldi”, dice una donna anziana che accompagna la sua nipotina al pronto soccorso. “Non abbiamo una vita reale… siamo rifugiati sfollati”.

Al momento, non c’è elettricità in tutta la città, a parte l’energia solare privata nelle case di alcuni residenti. La città era alimentata da una centrale elettrica alimentata a carburante, ma non ci sono soldi per accenderla. L’ospedale ha i suoi generatori, ma non bastano.

La dottoressa Khatera dirige l’unità di maternità ed è la moglie del dottor Parsa. Nonostante i miliardi di dollari di sostegno internazionale negli ultimi due decenni, snocciola un elenco di attrezzature e risorse di cui hanno a lungo bisogno.

Adesso la situazione è anche peggiore. Il Comitato Internazionale della Croce Rossa è impegnato a fornire un sostegno di emergenza per i prossimi sei mesi.

Il dottor Parsa è grato, ma anche profondamente preoccupato per il futuro.

“Se non riceviamo aiuti internazionali, e questa situazione continua, il mio timore è che l’ospedale chiuda. Sarebbe la fine del servizio sanitario in questa provincia”, avverte.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati