Dati Covid in tempo Reale

All countries
227,923,887
Confermati
Updated on 17 September 2021 12:01
All countries
202,885,540
Ricoverati
Updated on 17 September 2021 12:01
All countries
4,686,061
Morti
Updated on 17 September 2021 12:01

Afghanistan. Fucili, Humvee e milioni di munizioni: i talebani celebrano il loro nuovo arsenale americano

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – I funzionari della sicurezza nazionale degli Stati Uniti stanno lavorando per rendere conto di oltre 20 anni di armi fornite all’esercito afghano mentre le immagini di combattenti talebani che brandiscono fucili di fabbricazione americana e cavalcano in Humvee abbandonati stanno sollevando preoccupazioni su cos’altro è stato lasciato indietro.

Il nuovo arsenale americano dei talebani probabilmente non è limitato alle armi di piccolo calibro, poiché il gruppo ha catturato considerevoli scorte di armi e veicoli detenuti in roccaforti un tempo controllate dalle forze sostenute dagli Stati Uniti, inclusi moderni veicoli resistenti alle mine (MRAP) e Humvee.
Le prime stime suggeriscono che i talebani potrebbero ora possedere anche diversi elicotteri Black Hawk e altri velivoli militari finanziati dagli Stati Uniti, secondo una fonte del Congresso che ha familiarità con le prime valutazioni fornite dai funzionari della difesa.
Ciò include potenzialmente circa 20 aerei da attacco A-29 Tucano, ha detto la fonte, osservando che ci sono alcune indicazioni che solo un piccolo numero di aerei è stato trasferito da una base a Kandahar prima che fosse invaso dai talebani.
“Siamo anche preoccupati che alcuni possano finire nelle mani di altri che sostengono la causa dei talebani”, ha detto la fonte del Congresso. La mia più grande paura è che le armi sofisticate vengano vendute ai nostri avversari e ad altri attori non statali che intendono usarle contro di noi e i nostri alleati”.
Non è chiaro esattamente quanti equipaggiamenti siano caduti nelle mani dei talebani durante il crollo dell’esercito afghano , ed è improbabile che gli Stati Uniti ottengano una risposta perfetta e precisa a questa domanda perché non ci sono più truppe e servizi segreti statunitensi in tutto il paese. 
“Non c’è alcuna responsabilità esatta su ciò che è rimasto”, ha detto un funzionario.
L’amministrazione Biden ha dovuto affrontare un’ondata di critiche per non aver anticipato la rapida conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani e per il caos che si sta sviluppando all’aeroporto di Kabul mentre migliaia di persone tentano di fuggire dal paese.
Le operazioni di evacuazione rimangono l’obiettivo principale dell’amministrazione, ma anche i funzionari del Pentagono e del Dipartimento di Stato stanno iniziando a fare il punto sulle armi americane che sono cadute nelle mani dei talebani, uno sforzo che le fonti dicono alla CNN richiederà probabilmente settimane o mesi a causa del grande volume. di armi fornite alle forze afgane negli ultimi due decenni.
Nel frattempo, fotografie e video che mostrano combattenti talebani che trasportano carabine M4 e fucili M16 forniti dagli Stati Uniti stanno alimentando domande su quanta potenza di fuoco americana il gruppo militante ha ora a sua disposizione dopo aver conquistato le basi militari in tutto l’Afghanistan.
Mentre i funzionari statunitensi sottolineano che è troppo presto per fornire dettagli su armi e veicoli specifici ora sotto il controllo dei talebani, i funzionari del Pentagono hanno già espresso preoccupazione.
“Quando si tratta di attrezzature fornite dagli Stati Uniti che sono ancora in Afghanistan e potrebbero non essere nelle mani dell’ANSF [Afghan National Security Force], ci sono diverse opzioni che abbiamo a nostra disposizione per cercare di affrontare questo insieme di problemi”, ha detto giovedì il portavoce del Pentagono John Kirby.
“Ovviamente non vogliamo vedere le nostre attrezzature nelle mani di coloro che agirebbero contro il nostro interesse o l’interesse del popolo afghano e aumenterebbero la violenza e l’insicurezza all’interno dell’Afghanistan”, ha aggiunto.
Al momento, non ci sono piani per gli Stati Uniti di intraprendere alcuna azione per distruggere le armi usando attacchi aerei o altri mezzi, a meno che qualcosa non rappresenti una minaccia diretta per le truppe americane all’aeroporto.
La distruzione e la rimozione delle attrezzature statunitensi in Afghanistan sono iniziate  poco dopo che l’amministrazione Trump ha firmato l’accordo di Doha nel febbraio 2020 e l’esercito ha iniziato a ridurre la sua impronta da 8.500 soldati a 2.500. Ma è iniziato, a un ritmo più lento, anche prima, quando nel 2018 i livelli delle forze statunitensi sono scesi sotto i 14.000.
Tra il 2013 e il 2016, gli Stati Uniti hanno fornito alle forze afgane più di 600.000 armi leggere, come fucili M16 e M4 e quasi 80.000 veicoli, oltre a occhiali per la visione notturna, radio e altro, secondo un rapporto del Government Accountability Office del 2017. Ancora più recentemente, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha fornito all’esercito afghano 7.000 mitragliatrici, 4.700 Humvee e oltre 20.000 granate tra il 2017 e il 2019, secondo un rapporto dell’ispettore generale speciale per la ricostruzione dell’Afghanistan. (Il GAO e l’ispettore generale speciale hanno rimosso questi rapporti su richiesta del Dipartimento di Stato per proteggere gli afghani identificati all’interno.)
Solo negli ultimi due anni, secondo un conteggio dei rapporti trimestrali dell’ispettore generale, gli Stati Uniti hanno anche fornito all’esercito afghano più di 18 milioni di proiettili da 7,62 mm e calibro .50.
Alcuni di questi sono senza dubbio caduti nelle mani dei talebani, dicono i funzionari. Nelle ultime settimane del ritiro, una serie di attacchi che gli Stati Uniti hanno effettuato in Afghanistan erano progettati per distruggere le attrezzature americane che stavano per essere invase dai talebani, hanno detto due funzionari. Gli Stati Uniti non hanno distrutto tutto l’equipaggiamento rimasto per l’esercito afghano perché credevano, fino a quando non fosse stato troppo tardi, che le forze afgane avrebbero reagito.

Altre News

Articoli Correlati