Afghanistan. Le donne a Kabul sfidano i talebani. Tornano al lavoro, a scuola e in strada

- Advertisement -

AgenPress – Un attacco terroristico non ha impedito ad Atifa Watanyar di insegnare, ma teme che lo faranno i talebani.

Anche prima che il gruppo militante marciasse a Kabul, l’insegnante di inglese provava un’intensa incertezza e angoscia.
All’inizio di maggio, era all’ingresso della scuola Sayed Al-Shuhada alla periferia della capitale e ha visto un’esplosione davanti al cancello principale.
Mentre i suoi studenti la superavano di corsa, cercando di scappare nel cortile polveroso sottostante, una seconda e poi una terza bomba sono esplose, uccidendo almeno 85 persone, molte delle quali adolescenti.
Pochi mesi dopo, Watanyar è davanti allo stesso ingresso prima che inizi la sua lezione. Giovani studentesse si riversano nel corridoio, le loro voci echeggiano su un muro dipinto con un murale che afferma “il futuro è più luminoso”.
“Cosa dovremmo dire? Ogni giorno vedo i talebani per le strade. Ho paura. Temo molto da queste persone”, ha detto.
Ad agosto, settimane dopo la riapertura della scuola, i talebani sono saliti al potere e ancora una volta hanno rivendicato l’Afghanistan come loro emirato islamico.
Un mese dopo, il gruppo ha effettivamente bandito le studentesse dall’istruzione secondaria, ordinando la riapertura delle scuole superiori solo per i ragazzi. Il gruppo ha affermato di aver bisogno di creare un “sistema di trasporto sicuro”, prima che le ragazze dai sei ai dodici anni possano tornare.
Ma i talebani hanno fornito una scusa simile quando sono saliti al potere nel 1996. Le studentesse non sono mai tornate in classe durante i suoi cinque anni di governo.
Non più in grado di insegnare ai suoi studenti più grandi, Watanyar ora si concentra sulle ragazze più giovani, assicurandosi che almeno all’interno della sua classe, ci sia ancora spazio per sognare.
“Cosa dovremmo fare, cosa dovremmo fare? È solo la cosa che possiamo fare per i nostri figli, per le nostre figlie, per le nostre ragazze”, ha detto.
Sanam Bahnia, 16 anni, ferito nell’attacco terroristico, ha avuto il coraggio di tornare in classe.
“Una delle mie compagne di classe, che è stata uccisa, era una persona che ha davvero lavorato duramente nei suoi studi: quando ho sentito che era stata martirizzata, ho sentito che dovevo tornare a studiare, per la pace della sua anima, dovevo studiare e costruire il mio paese, in modo che io possa realizzare i loro desideri e sogni”..
Ma la capacità di Bahnia di adempiere a tale impegno è in serio dubbio. Ora, impedita dai talebani di frequentare la scuola, legge il suo libro di testo in un angolo della sua casa. La sua materia preferita è la biologia, ma dice che non si permette più di sognare di diventare un dentista.
La sua sfida di fronte a molteplici attacchi al suo futuro sta prendendo il sopravvento.
La sua voce vacilla quando inizia a piangere, dicendo: “I talebani sono la ragione del mio stato attuale. Il mio spirito è andato, i miei sogni sono sepolti”.
Per le strade del quartiere di Khair Khana, a nord-ovest di Kabul, restano le conseguenze di una recente protesta delle donne. In quasi tutti i saloni di bellezza, le immagini dei volti delle donne sono state deturpate. Alcuni sono stati rapidamente verniciati a spruzzo di nero, altri completamente imbiancati.
All’interno di uno dei saloni, le donne hanno troppa paura di dare i loro nomi. Dicono che i talebani abbiano allontanato i manifestanti, prima di dire loro di rimuovere le immagini delle donne, indossare il burqa e restare a casa.
Tuttavia, nonostante le notevoli probabilità, le attiviste di Kabul continuano a organizzarsi e manifestare.
Giovedì scorso, solo una manciata di manifestanti donne è stata accolta da un’intera unità talebana. Proprio mentre le donne mostravano cartelli che dichiaravano: “L’istruzione è identità umana” e “Non bruciare i nostri libri, non chiudere le nostre scuole”, i camioncini militari sono scesi nel loro angolo di protesta.
I combattenti talebani hanno strappato loro i cartelli dalle mani, mentre una mitragliatrice montata ha sparato una raffica di avvertimento che ha mandato in fuga spettatori e giornalisti.
Il capo dei servizi segreti dei talebani a Kabul, Mawlavi Nasratullah, ha affermato che le donne non avevano il permesso di protestare.
“Quando esci di casa per una lotta, consideri tutto”, ha detto la leader della protesta Sahar Sahil Nabizada, aggiungendo che è stata minacciata ripetutamente ma si rifiuta di lasciare il paese o di smettere di organizzarsi.
“È possibile che io muoia, è possibile che mi ferisca, ed è anche possibile che torno a casa vivo. Tuttavia, se io, o due o tre altre donne muoiono o mi feriamo, in fondo accettiamo dei rischi per aprire la strada alle generazioni a venire, almeno saranno orgogliosi di noi”.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati