Dati Covid in tempo Reale

All countries
359,663,283
Confermati
Updated on 26 January 2022 10:53
All countries
282,689,494
Ricoverati
Updated on 26 January 2022 10:53
All countries
5,636,081
Morti
Updated on 26 January 2022 10:53

Afghanistan. Le false promesse dei talebani, giornalisti perseguitati. A Kabul accoltellato Javid Yousufi

- Advertisement -

AgenPress – Javid Yousufi, un giornalista di Kabul, è stato accoltellato da più persone domenica sera nel PD 13, nella parte occidentale della città.

Yousufi, che è attualmente impiegato presso Ufuq News, ha lavorato con diverse organizzazioni di media per circa 10 anni. Yousufi ha detto che non ha conflitti personali con nessuno.

- Advertisement -

“C’erano persone che mi seguivano. Due di loro mi hanno aggredito e mi hanno accoltellato con un coltello. Stavo sanguinando”.

Almeno cinque casi di violenza contro i giornalisti sono stati registrati nella scorsa settimana in diverse province, ha detto lunedì l’Unione nazionale dei giornalisti afghani.

I casi sono stati registrati nelle province di Kabul, Balk, Takhar e Kunduz, ha affermato il sindacato.

- Advertisement -

“La violenza contro i giornalisti è inaccettabile. Il governo dovrebbe adottare misure serie per indagare su questi casi”, ha affermato Masror Lutfi, capo del sindacato.

Alcuni giornalisti hanno espresso frustrazione per lo stato dei media, affermando che l’ambiente per la libertà di espressione sta peggiorando di giorno in giorno. Hanno detto che l’Emirato Islamico non ha mantenuto le sue promesse riguardo alla libertà di espressione.

“L’accesso alle informazioni è un diritto di tutti. Il dovere di un giornalista non è un crimine né è contro il governo”, ha affermato Behnod Behnod, giornalista.

“Purtroppo il governo afghano non ha mantenuto le promesse fatte con la comunità internazionale. La situazione per i giornalisti sta peggiorando”, ha detto Tamim Shaheer, giornalista.

Faial Noori, giornalista dell’agenzia di stampa Peshgo e rappresentante dell’Associazione dei giornalisti indipendenti afghani nella provincia di Kunduz, è stato arrestato dai servizi segreti dell’Emirato islamico domenica pomeriggio, ma è stato liberato la sera stessa.

“Questi tipi di eventi causano intimidazioni ai giornalisti. Ero preoccupato per chi mi stesse portando dove fino a quando non mi sono avvicinato al dipartimento dei servizi segreti”, ha detto Noori.

“Le persone che provocano violenza contro i giornalisti dovrebbero essere riconosciute e arrestate dal governo”, ha affermato Hafizullah Barikzai, capo del consiglio dei giornalisti afghani.

Ma il ministero dell’Interno ha detto che sta dando la caccia a casi di violenza contro i giornalisti.

“Il governo ha agito seriamente riguardo ai casi di violenza contro i giornalisti. (Il governo) ha riconosciuto e punito le persone coinvolte nei casi”, ha affermato Aqel Ozam, vice portavoce del ministero.

Il Committee to Protect Journalists (CPJ) ha affermato in un recente rapporto che il numero di giornalisti imprigionati ha raggiunto il massimo globale nel 2021, con almeno 293 giornalisti incarcerati in tutto il mondo dal 1° dicembre.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati