Dati Covid in tempo Reale

All countries
335,606,999
Confermati
Updated on 19 January 2022 11:38
All countries
269,198,356
Ricoverati
Updated on 19 January 2022 11:38
All countries
5,575,346
Morti
Updated on 19 January 2022 11:38

Afghanistan. Sistema sanitario sull’orlo del collasso. La disperazione dei medici, mancano medicine e cibo

- Advertisement -

AgenPress – Il carburante diesel necessario per produrre ossigeno per i pazienti affetti da coronavirus è terminato, così come le forniture di farmaci essenziali. Il personale, non pagato da mesi, si presenta ancora al lavoro, ma fatica a sbarcare il lunario a casa.

Questa è la situazione dell’Ospedale Afghan-Japan per le malattie trasmissibili, l’unica struttura COVID-19 per gli oltre 4 milioni di persone che vivono nella capitale Kabul. Mentre la situazione del coronavirus in Afghanistan sembra essere migliorata rispetto a pochi mesi fa, quando i casi hanno raggiunto il loro picco, ora è l’ospedale stesso che ha bisogno di supporto vitale.

- Advertisement -

La sua situazione è un sintomo della crisi del sistema sanitario afgano, che è sull’orlo del collasso e in grado di funzionare solo con un’ancora di salvezza delle organizzazioni umanitarie.

“Qui affrontiamo molti problemi”, ha affermato il dott. Ahmad Fatah Habibyar, responsabile della logistica amministrativa dell’ospedale, citando tre mesi di stipendi non pagati, carenza di attrezzature e farmaci e mancanza di cibo.

Alcuni membri del personale sono in tali difficoltà finanziarie che stanno vendendo i loro mobili per la casa per sbarcare il lunario. 

- Advertisement -

“L’ossigeno è un grosso problema per noi perché non possiamo far funzionare i generatori”, ha detto, osservando che l’impianto di produzione dell’ospedale non funziona da mesi “perché non possiamo permetterci il diesel”. Invece, le bombole di ossigeno per i pazienti COVID-19 vengono acquistate da un fornitore locale.

E i medici si stanno preparando per ulteriori infezioni che temono siano inevitabili con la variante omicron.

Senza un aiuto esterno, “non siamo pronti per omicron. Qui sarà un disastro”, ha detto il dottor Shereen Agha, il 38enne capo dell’unità di terapia intensiva dell’ospedale. L’ospedale era a corto anche di forniture di base come guanti da visita, ha detto, e le sue due ambulanze sono rimaste ferme per mancanza di carburante.

Il governo precedente aveva stipulato un contratto con un gruppo di aiuto con sede nei Paesi Bassi, HealthNet TPO, per gestire l’ospedale. Ma il contratto è scaduto a novembre ed è stato finanziato da un fondo gestito dalla Banca Mondiale, che come la maggior parte della comunità internazionale ha congelato i pagamenti al nuovo governo talebano.

Il manager del programma HealthNet TPO Willem Reussing ha affermato che l’organizzazione è in trattative per ottenere finanziamenti, “ma la comunità dei donatori è molto riluttante a continuare a sostenere e ha condizioni rigorose”. L’Organizzazione mondiale della sanità e l’UNICEF sono riuscite solo a mantenere servizi minimi e non hanno coperto la risposta al coronavirus, ha aggiunto.

“Il sistema sanitario … è davvero sull’orlo del collasso”, ha detto Reussing. “L’ospedale afghano-giapponese è un terribile esempio, in cui stiamo quasi chiedendo ai donatori di intervenire e salvare vite umane”.

Quando i talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan ad agosto nel mezzo di un caotico ritiro delle truppe degli Stati Uniti e della NATO, la comunità internazionale ha ritirato tutti i finanziamenti e ha congelato miliardi di dollari di beni dell’Afghanistan all’estero. Per un Paese fortemente dipendente dagli aiuti esteri, le conseguenze sono state devastanti.

Il vicedirettore dell’ospedale pediatrico, Mohammad Latif Baher, ha affermato che la struttura ha registrato 3.000 casi di malnutrizione negli ultimi quattro mesi. Di questi, 250 sono stati ricoverati in ospedale e il resto è stato curato a casa.

Anche gli operatori ospedalieri stanno lottando con la carenza e non vengono pagati da mesi.

“Siamo fedeli alla nostra patria e alla nostra professione. Ecco perché continuiamo ancora il nostro lavoro e forniamo servizi ai nostri pazienti”, ha detto Baher, notando che sono rimasti senza stipendio per cinque mesi. Ha detto che anche l’ospedale sta esaurendo le scorte di farmaci, compresi speciali integratori alimentari per la malnutrizione, oltre ad antibiotici, analgesici e anestetici. Alcune forniture erano arrivate dalle agenzie umanitarie, ha aggiunto, ma ne servivano altre.

La situazione era simile al Wazir Mohammed Akhbar Khan National Hospital, dove le scorte stavano finendo. Come con la maggior parte degli altri ospedali statali, i suoi pazienti devono acquistare i propri farmaci, con il personale che attinge solo alle forniture di emergenza per coloro che davvero non possono permetterselo.

A volte i medici sono costretti a somministrare dosi minori di farmaci perché semplicemente non ne hanno abbastanza, ha affermato Ghulam Nabi Pahlawi, capo infermiera del dipartimento di emergenza.

Ma è nell’ospedale COVID-19 di Kabul che la situazione sembra più grave. Il farmacista Bilal Ahmad ha affermato che più di 36 farmaci essenziali erano esauriti e molti altri erano scaduti. In tre mesi, ha detto, finiranno altri 55 farmaci.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati