Dati Covid in tempo Reale

All countries
244,689,000
Confermati
Updated on 25 October 2021 20:44
All countries
219,992,007
Ricoverati
Updated on 25 October 2021 20:44
All countries
4,967,955
Morti
Updated on 25 October 2021 20:44

Afghanistan. Talebani, ci saranno esecuzioni e amputazioni mani e piedi, ma non in pubblico

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Uno dei fondatori dei talebani e il principale esecutore della loro dura interpretazione della legge islamica quando hanno governato l’ultima volta l’Afghanistan ha affermato che il movimento della linea dura eseguirà ancora una volta esecuzioni e amputazioni delle mani, anche se forse non in pubblico.

In un’intervista con l’Associated Press, il mullah Nooruddin Turabi ha respinto l’indignazione per le esecuzioni dei talebani in passato, che a volte hanno avuto luogo davanti alla folla in uno stadio, e ha messo in guardia il mondo dall’interferire con i nuovi governanti dell’Afghanistan.

“Tutti ci hanno criticato per le punizioni allo stadio, ma non abbiamo mai detto nulla sulle loro leggi e sulle loro punizioni”, ha detto Turabi. “Nessuno ci dirà quali dovrebbero essere le nostre leggi. Seguiremo l’Islam e faremo le nostre leggi sul Corano”.

Da quando i talebani hanno invaso Kabul il 15 agosto e hanno preso il controllo del paese, gli afgani e il mondo hanno guardato per vedere se riusciranno a ricreare il loro duro governo della fine degli anni ’90. I commenti di Turabi hanno evidenziato come i leader del gruppo rimangano radicati in una visione del mondo profondamente conservatrice e intransigente, anche se stanno abbracciando i cambiamenti tecnologici, come video e telefoni cellulari.

Turabi, ora sulla sessantina, era ministro della giustizia e capo del cosiddetto Ministero della Propagazione della Virtù e della Prevenzione del Vizio – in effetti, la polizia religiosa – durante il precedente governo dei talebani.

A quel tempo, il mondo ha denunciato le punizioni dei talebani, che hanno avuto luogo nello stadio sportivo di Kabul o sul terreno della tentacolare moschea di Eid Gah, spesso frequentata da centinaia di uomini afgani.

Le esecuzioni di assassini condannati erano di solito con un singolo colpo alla testa, eseguito dalla famiglia della vittima, che aveva la possibilità di accettare “soldi insanguinati” e permettere al colpevole di vivere. Per i ladri condannati, la punizione era l’amputazione di una mano. Ai condannati per rapina in autostrada sono stati amputati una mano e un piede.

I processi e le condanne erano raramente pubblici e la magistratura era orientata a favore del clero islamico, la cui conoscenza della legge era limitata alle ingiunzioni religiose.

Turabi ha detto che questa volta saranno i giudici, comprese le donne, a giudicare i casi, ma il fondamento delle leggi afghane sarà il Corano. Ha detto che le stesse punizioni sarebbero state ripristinate.

“Il taglio delle mani è molto necessario per la sicurezza”, ha detto, dicendo che ha avuto un effetto deterrente. Ha detto che il Gabinetto stava studiando se punire in pubblico e “svilupperà una politica”.

Nei giorni scorsi a Kabul, i combattenti talebani hanno ripreso una punizione che usavano comunemente in passato: la pubblica vergogna degli uomini accusati di furto di piccola entità.

In almeno due occasioni nell’ultima settimana, uomini di Kabul sono stati stipati nel retro di un camioncino, con le mani legate, e sono stati portati in giro per umiliarli. In un caso, i loro volti sono stati dipinti per identificarli come ladri. Nell’altro, il pane raffermo veniva appeso al collo o infilato in bocca. Non era immediatamente chiaro quali fossero i loro crimini.

Altre News

Articoli Correlati