Dati Covid in tempo Reale

All countries
243,999,450
Confermati
Updated on 23 October 2021 18:35
All countries
219,347,931
Ricoverati
Updated on 23 October 2021 18:35
All countries
4,957,525
Morti
Updated on 23 October 2021 18:35

Clima. Copernicus. Aprile 2020, il più caldo mai registrato. Temperature alte in Groenlandia

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress  – A livello globale, le temperature erano alla pari con il precedente aprile più caldo mai registrato (aprile 2016). In Europa, le temperature erano ben al di sopra della media in numerosi paesi occidentali, ma al di sotto della media nel nord-est. Sia l’Artico che l’Antartide hanno visto una copertura del ghiaccio marino inferiore alla media rispetto alla media del 1981-2010. Condizioni più umide della media per gran parte dell’Europa, con umidità del suolo inferiore alla media nell’Italia meridionale, in Grecia e nel nord del Mar Nero

A dirlo sono i dati sulla temperatura dell’aria in superficie di Copernicus climate change service (C3S), il programma per l’osservazione della Terra dell’Ue. Secondo Copernicus, “le temperature sono state particolarmente al di sopra della media nell’Eurasia centrale e settentrionale, e in alcune zone della Groenlandia e dell’Antartide, ma sensibilmente sotto la media in vaste aree del Nord America. In Europa le temperature sono state molto al di sopra della media in diversi Paesi occidentali, ma al di sotto della media nelle zone a nordest”.

Senza un taglio consistente delle emissioni di gas serra, entro 50 anni le aree del Pianeta abitate da un terzo degli esseri umani si riscalderanno tanto quanto le parti più calde del deserto del Sahara, e quindi 3,5 miliardi di persone sarebbero ”in condizioni quasi invivibili”.

I Paesi più colpiti sarebbero l’India e la Nigeria, dove sperimenterebbero questo caldo eccezionale rispettivamente più di 1,2 miliardi di persone e 485 milioni di abitanti; oltre 100 milioni di persone verrebbero colpite sia in Pakistan che in Indonesia e Sudan. Alle minacce per la salute e le società, si aggiungerebbe quella per la produzione alimentare. È il risultato di uno studio di un team di ricerca internazionale di archeologi, ecologi e climatologi di alcune università in Cina, Europa e Stati Uniti e pubblicata sulla rivista dell’Accademia americana delle Scienze (Pnas). Se le emissioni continueranno ad aumentare, avvertono i ricercatori, la temperatura media percepita dall’uomo si alzerà di 7,5 gradi centigradi entro il 2070, quindi oltre i +3 gradi previsti ora. Questo rapido aumento porterebbe il 30% della popolazione mondiale ad abitare in posti con una temperatura media superiore ai 29 gradi, una condizione climatica che oggi è sperimentata sullo 0,8% della superficie delle terre emerse, principalmente nel Sahara, mentre nel 2070 riguarderebbe il 19% della superficie.

Altre News

Articoli Correlati