Dati Covid in tempo Reale

All countries
261,148,561
Confermati
Updated on 27 November 2021 17:00
All countries
234,157,618
Ricoverati
Updated on 27 November 2021 17:00
All countries
5,210,515
Morti
Updated on 27 November 2021 17:00

Coronavirus. Cina, Wuhan, dove si è originato il virus, sta tornando lentamente alla normalità

- Advertisement -

Agenpress – Wuhan, la prima città al mondo ad essere bloccata a causa del coronavirus sta lentamente tornando a qualcosa che potrebbe essere descritto come normale, dopo mesi di paura e ansia.

Ma le cicatrici dell’epidemia virale che per 76 giorni hanno chiuso la città cinese e gran parte della circostante provincia di Hubei, si trovano proprio sotto la superficie, con molti cittadini preoccupati per un secondo focolaio e le imprese ancora lottando per riprendersi piedi.
I primi casi noti di virus sono stati rilevati a Wuhan a metà dicembre. Nelle settimane successive, il numero dei casi è aumentato e dal 23 gennaio all’8 aprile i residenti non sono stati in grado di lasciare la città,  poiché il governo cinese ha tentato di coprire l’epidemia. 
Ma nonostante i tentativi di arrestare la diffusione del virus, ora ha infettato oltre 2,6 milioni di persone in tutto il mondo.
A Wuhan, tuttavia, l’epidemia sembra essere ampiamente sotto controllo, senza nuovi casi o morti segnalati nella provincia di Hubei a partire dagli ultimi dati pubblicati mercoledì.
Le strade che solo poche settimane fa sono state isolate dietro i posti di blocco della polizia,  sono ora aperte al traffico, mentre alcuni spazi pubblici come lo zoo di Wuhan si stanno preparando per consentire alle persone di rientrare.
Ma ciò non significa che le persone stiano abbassando la guardia o che tutte le restrizioni siano state revocate. Camminando per la strada, quasi tutti continuano a praticare il distanziamento sociale, tenendo separati almeno 1,5 metri (cinque piedi).
Molti negozi, comprese le principali catene come Starbucks, hanno spostato i loro beni e servizi sul marciapiede per evitare la necessità che i clienti si radunino all’interno.
Per ogni negozio aperto, ce n’è un altro chiuso. A più di due settimane dalla fine del blocco, ai ristoranti è ancora consentito vendere cibo da asporto mentre le palestre rimangono chiuse.
Per le strade, alcuni cittadini escono ancora in completo equipaggiamento protettivo, comprese tute protettive per l’ambiente in plastica. Al servizio dei clienti, alcuni proprietari di negozi non indossano solo maschere, ma anche guanti.
Alcuni negozi sono ora aperti e la gente sta tornando in luoghi pubblici, con i residenti di Wuhan in maschera che si recano nei parchi della città per fare passeggiate, giocare a badminton e persino ottenere tagli di capelli per gentile concessione dei barbieri all’aperto.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati