Dati Covid in tempo Reale

All countries
161,793,481
Confermati
Updated on 13 May 2021 23:38
All countries
140,636,741
Ricoverati
Updated on 13 May 2021 23:38
All countries
3,357,400
Morti
Updated on 13 May 2021 23:38
spot_img

Coronavirus. La Cina rivede il bilancio delle vittime. A Wuhan aggiunte 1.290, e 325 casi

Agenpress – La Cina ha rivisto il bilancio delle vittime del coronavirus, aumentando di oltre un terzo il numero di vittime attribuite alla pandemia.

I funzionari di Wuhan, dove il virus è stato segnalato per la prima volta alla fine dell’anno scorso, venerdì hanno aggiunto 1.290 morti di coronavirus al bilancio della città. Hanno anche aggiunto 325 casi confermati al conteggio della città.
Il numero totale di casi registrati in città è ora pari a 50.333, con 3.869 morti.
Il precedente bilancio delle vittime per Wuhan era di 2.579, quindi la cifra rivista segna un aumento del 50% del numero di morti nella città per coronavirus.
A partire dal 17 aprile, la National Health Commission cinese aveva riportato 3.342 morti a livello nazionale , prima che le cifre riviste di Wuhan fossero pubblicate.
I funzionari hanno spiegato che inizialmente i decessi non erano stati contati perché nelle prime fasi della pandemia alcune persone sono morte a casa, i medici sopraffatti si sono concentrati sul trattamento dei casi piuttosto che sulla segnalazione di decessi e un ritardo nella raccolta di dati da vari governi e organizzazioni private.
Hanno aggiunto che le cifre sono state riviste per mostrare “la responsabilità nei confronti della storia, delle persone e delle vittime”, nonché di garantire “una divulgazione aperta e trasparente delle informazioni e della precisione dei dati”.
Questa non è la prima volta che le autorità sanitarie cinesi cambiano il numero relativo alla pandemia. Il modo in cui sono stati contati i casi è stato cambiato tre volte in gennaio e febbraio , causando una diffusa confusione sull’entità della crisi in Cina.
Gli esperti hanno anche precedentemente sollevato l’allarme per l’approccio della Cina alla misurazione dei casi asintomatici. Alcuni pazienti che si sono dimostrati positivi per il virus ma non hanno mostrato sintomi non sono stati inclusi nei racconti ufficiali, rendendo difficile il confronto delle cifre della Cina con il resto del mondo.

I funzionari hanno dichiarato di aver rivisto le cifre per mostrare “la responsabilità nei confronti della storia, delle persone e delle vittime”, nonché di garantire “la divulgazione aperta e trasparente delle informazioni e l’accuratezza dei dati” – e i nuovi dati sono il risultato di un ampio lavoro che coinvolge numerose agenzie e istituzioni governative.

Un Funzionario ha detto che le ragioni delle discrepanze sono:

  • Durante la fase iniziale dell’epidemia, alcuni pazienti sono morti a casa a causa della mancanza di risorse mediche;
  • Durante il picco dell’epidemia, gli operatori sanitari sono stati sopraffatti e si sono concentrati principalmente sul trattamento, con conseguente segnalazione tardiva, omissioni e dichiarazione errata dei dati;
  • Vi è stato un rapido aumento del numero di strutture mediche designate, che erano gestite da diversi livelli di governi o aziende private, con conseguente ritardo nella segnalazione da parte di alcune istituzioni mediche;
  • Informazioni incomplete su alcuni casi di morte hanno comportato segnalazioni ripetitive o dichiarazioni errate.

La Cina ha dovuto affrontare un maggiore controllo questa settimana da parte degli Stati Uniti per essere trasparente nei suoi rapporti sulla pandemia di coronavirus. 

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati