Francesco Burrelli (Presidente Anaci e Vp Remind Filiera Immobiliare): “Gli amministratori di condominio sono al servizio del Paese”

- Advertisement -

La sinergia con Remind Filiera Immobiliare e tutti i suoi Partner è elemento valoriale per il riconoscimento del ruolo dell’amministratore di condominio


AgenPress. Si svolgerà domani 2 Luglio 2022 l’Assemblea Nazionale ANACI Presieduta da Francesco Burrelli.

- Advertisement -

Lo stesso ha così dichiarato:

“In questo prossimo quadriennio bisognerà lavorare con il sostegno di una squadra affiatata, forte, che porti avanti un progetto condiviso, avvalendosi di competenze specifiche che consentano ad ANACI di avere autorevoli e preparati rappresentanti in ogni settore, per favorire e rafforzare le posizioni e lo sviluppo delle singole tematiche.

Tali persone dovranno in primo luogo “sentire come proprio” il programma, viverlo in prima persona e, poi, condividerlo con tutti gli associati con i quali verranno a contatto, infondendo in essi quella forza e determinazione necessarie per attuarlo.

Francesco Burrelli, Presidente Anaci e Vice Presidente Remind Filiera Immobiliare
- Advertisement -

Dobbiamo creare un circuito politico virtuoso e trasversale, che consentirà di sciogliere uno dei nodi che più stanno a cuore a tutti noi: distinguerci da coloro che vedono la nostra professione come un riempitivo, ricompresa in altre professioni o da chi la interpreta come una attività meramente commerciale e non come un vero progetto di vita e crescita professionale.

Di primaria importanza è battersi per il riconoscimento del nostro congruo compenso da parte del legislatore nazionale per ottenere, ulteriore risalto alla dignità e all’autonomia della nostra professione.

Ci impegneremo per un tavolo di concertazione tra le parti, associazioni di proprietà, di inquilini, consumatori enti regolatori per favorire il riconoscimento di tariffe di riferimento da applicare su tutto il territorio nazionale, in base a un mansionario parametrizzato sulle attività dell’amministratore, che servano per tutelare la nostra professionalità e consenta-no all’utente finale di scegliere il professionista amministratore, che abbia i requisiti stabiliti dalla legge, con compensi prefissati e non improvvisati. Lo Stato dovrebbe vigilare e sanzionare eventuali abusi.

ANACI ha contribuito durante la pandemia a sostenere molte organizzazioni sanitarie, per la lotta contro il covid.19, attraverso l’acquisto di attrezzature sanitarie e l’appoggio concreto a situazioni di emergenza per i nostri associati.

ANACI ha proseguito, e potenzierà ancora, la campagna per la diffusione del defibrillatore nei condomini. In particolare continua la collaborazione con I’IREDEEM, per l’installazione di defibrillatori in tutte le città italiane e, possibilmente, in tutti i condomini di grandi dimensioni.

Dobbiamo ottenere il riconoscimento della nostra professione ai fini della Carta Professionale Europea, perché la professione riconosciuta consenta soprattutto ai nostri giovani la libera circolazione professionale in Europa, senza i limiti che ci sono stati fino ad ora.

Limiti che l’ANACI contribuirà in prima linea ad abbattere, impegnandosi a sostenere i rapporti bilaterali, con gli stati Europei che hanno sviluppato meno conoscenze in tema di condominio, come Ungheria, Bulgaria, Romania, creando con i relativi ambasciatori, incontri per promuovere le reciproche conoscenze e le attività in campo condominiale/immobiliare.

La realizzazione del programma è fortemente legata alla importanza delle sinergie e collegamenti con le sedi territoriali, con la collaborazione delle risorse umane e finanziarie dove necessario della nazionale per valorizzare e pubblicare le notizie di carattere informativo/culturale e associativo, collegamento che si realizza tramite “corrispondenti territoriali ANACI“, coordinati con l’ufficio stampa nazionale per effettuare reportage e informazioni utili, in ogni regione, o in determinate zone.

Si deve lavorare per istituire una CARTA DEI SERVIZI DELL’AMMINISTRATORE PROFESSIONISTA, divulgandola su tutto il territorio nazionale, con regole base condivise, con le associazioni di proprietà degli inquilini e dei consumatori, affinché l’amministratore sappia, quali siano gli obblighi e doveri nei confronti del cliente e viceversa cosa il cliente, possa chiedere la cifra che è chiamato a pagare.

A conferma della bontà della linea politica seguita e della strategia vincente della Dirigenza ANACI, soprattutto in questi ultimi quattro anni l’Associazione a continuato a sostenere l’evoluzione culturale dell’amministratore immobiliare e condominiale, raggiungendo ragguardevoli risultati.

Basti pensare che, per diventare amministratore immobiliare professionista, anche gli appartenenti alle diverse categorie professionali ordinistiche e collegiali, devono obbligatoriamente, sostenere con esito positivo il corso di formazione iniziale e il corso di aggiornamento periodico, con esame dinnanzi a una commissione con relativo responsabile scientifico.

I Giovani associati sono il futuro presente dell’associazione. Dobbiamo impegnarci affinché sempre più giovani si avvicinino all’associazione abbiano voglia di farne parte. E per fare questo dobbiamo impegnarci attivamente tutti. Non possiamo lasciare da soli i rappresentanti dei giovani in questo compito così difficile e delicato ma dobbiamo continuare a dare loro la massima attenzione, dobbiamo continuare ad essere presenti davvero, a formarli in modo adeguato ed essere disposti a lasciarci modellare dal loro modo di vedere le cose. Solo insieme queste due visioni costituiscono una sinergia positiva e una forza vitale per l’associazione. Abbiamo il compito di fornire loro tutti gli strumenti di cui hanno bisogno facendoci noi stessi, associati e dirigenti esperti, parte attiva. Dobbiamo continuare a coinvolgerli e ad aiutarli, insegnando loro, anche con il nostro esempio in prima linea, ad assumersi le responsabilità di diventare veri e qualificati professionisti e autorevoli dirigenti.

In quest’ottica la sinergia con Remind Filiera Immobiliare e tutti i suoi Partner è elemento valoriale per finalizzare gli obbiettivi per il riconoscimento culturale, sociale e istituzionale del ruolo dell’amministratore di condominio.

Come Vice Presidente di Remind è mia intenzione continuare a far crescere l’importanza delle attività svolte dagli amministratori di condominio quale parte integrante della Filiera Immobiliare e collaborare quindi con Paolo Crisafi e con tutti gli Organismi, gli Operatori, gli Imprenditori, i Managers e i Professionisti di questo fondamentale settore produttivo che costituisce circa il 30% del Pil del nostro Paese”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati