Dati Covid in tempo Reale

All countries
245,781,828
Confermati
Updated on 28 October 2021 03:49
All countries
221,042,365
Ricoverati
Updated on 28 October 2021 03:49
All countries
4,987,853
Morti
Updated on 28 October 2021 03:49

Giornata Mondiale del Risparmio: nell’era del Covid, il 64% degli italiani si concentra sui beni essenziali

- Advertisement -

AgenPress – Cade ogni anno il 31 ottobre la Giornata Mondiale del Risparmio, una ricorrenza istituita nell’ottobre del 1924 durante il 1° Congresso Internazionale del Risparmio, e da allora organizzata ogni anno da Acri, l’associazione delle Fondazioni di origine bancaria e delle Casse di Risparmio Spa. Al centro dell’iniziativa, c’è il concetto di risparmio come base dell’educazione non solo economica della società, ma più in generale come disciplina fondamentale di tutta la comunità, per un uso migliore, individuale e sociale, della ricchezza.

Una giornata che assume un significato ancora più importante quest’anno, alla luce dei cambiamenti socioeconomici innescati dalla pandemia da Covid-19 che, tra le innumerevoli conseguenze, ha accresciuto anche l’attenzione e l’attitudine degli italiani verso il risparmio. La tendenza emerge con chiarezza dalla terza edizione dell’Osservatorio Globale di Selligent sulle abitudini dei consumatori, uno studio globale condotto su 5.000 consumatori, focalizzato sulle interazioni con i brand e le aspettative verso i marchi, condotto annualmente da Selligent Marketing Cloud, azienda di tecnologia marketing cloud omnichannel.

- Advertisement -

Stando ai risultati della ricerca, infatti, la pandemia ha avuto conseguenze negative sul lavoro e sul reddito dell’81% dei rispondenti italiani, contro il 75% degli interpellati a livello globale. Ne consegue un evidente e diretto impatto sulla spesa dei consumatori: il 64% di loro si concentra, infatti, principalmente sull’acquisto di beni essenziali. A compensare, ci pensano però le vendite online, che sembrano “reggere” ancora bene, e l’emergere di nuove necessità connesse dalle nuove abitudini dettate dalla situazione attuale. Ad esempio, il 65% degli italiani – contro il 58% delle statistiche globali, considera lo smart working come parte integrante del proprio futuro, e il 56% dichiara di voler effettuare nuovi acquisti per riflettere questo nuovo stile di vita da remoto.

Il nuovo consumatore, comprensibilmente più cauto nelle spese, si conferma però interessato a spendere quando ha la certezza di avere un ritorno di valore particolarmente significativo. Il 59% degli intervistati ritiene infatti che, nell’interazione con i brand, le comunicazioni relative a offerte e saldi siano le più interessanti, in particolare se calibrate in base alle proprie esigenze. Proprio per questo, per i marchi sarà sempre più importante, per incoraggiare l’acquisto da parte dei consumatori, porre l’enfasi sul valore aggiunto garantito dal prodotto.

“I dati ci confermano quello che già sapevamo: in una situazione complessa come quella attuale, che vede i consumatori comprensibilmente cauti nei loro acquisti, per i marchi diventa ancor più fondamentale instaurare una relazione di fiducia e di relazione personalizzata one-to-one con il singolo cliente” ha commentato Gian Musolino, Country Manager Italy di Selligent Marketing Cloud.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati