Gli Stati Uniti chiedono ai talebani di fare un passo indietro e consentire l’istruzione femminile

- Advertisement -

AgenPress – Il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan ha affermato di sperare in un’inversione di tendenza dell’emirato islamico sull’istruzione femminile nei prossimi giorni.

“Spero che nei prossimi giorni vedremo un’inversione di questa decisione”, ha dichiarato al Forum di Doha Thomas West, rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan.

- Advertisement -

West ha detto che l’Emirato islamico aveva promesso di consentire alle ragazze e alle donne di andare a scuola. “Sono rimasto sorpreso dall’inversione di tendenza lo scorso mercoledì e penso che tu abbia visto il mondo reagire nel condannare questa mossa”, ha detto. “È una violazione, prima di tutto, della fiducia del popolo afgano perché ha preso l’impegno. “

Nel frattempo, il ministro degli Esteri del Qatar, Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani, ha invitato l’Emirato islamico a riconsiderare la sua decisione e consentire alle ragazze delle classi superiori di andare a scuola il prima possibile.

“Li abbiamo esortati ad adottare la politica per mantenere le promesse fatte alla comunità internazionale, per consentire alle ragazze di tornare a scuola, per consentire alle donne di lavorare. Ma, più in generale, avere anche un governo inclusivo e senza discriminazioni (nei confronti) di nessuna parte del popolo afgano. Quello che è successo in realtà due giorni fa è stato uno shock per noi, abbiamo espresso profondamente la nostra preoccupazione… per la decisione che è stata presa e li stiamo esortando a revocare tale decisione”.

- Advertisement -

“Stavano aspettando fuori dalle loro scuole, ma i cancelli erano chiusi e piangevano”, ha detto Malala Yousafzai durante un panel rivolto alle prospettive per le donne e le ragazze in Afghanistan. “Perché succede a loro solo perché sono ragazze? Perché non possono studiare? Perché non possono imparare?” Lei ha aggiunto.

Gli Stati Uniti hanno improvvisamente annullato gli incontri con l’Emirato islamico a Doha che avrebbero dovuto affrontare questioni economiche chiave, hanno affermato venerdì i funzionari.

“La loro decisione è stata un’inversione profondamente deludente e inspiegabile degli impegni nei confronti del popolo afgano, in primis, e anche nei confronti della comunità internazionale”, ha detto a Reuters un portavoce del Dipartimento di Stato americano.

Sulla base dei precedenti impegni e annunci dell’Emirato islamico, tutte le scuole femminili avrebbero dovuto riaprire mercoledì. Le ragazze oltre il sesto anno, tuttavia, non sono state autorizzate a frequentare la scuola mercoledì e gli è stato detto di attendere fino a nuova notifica.

Questa decisione ha suscitato forti reazioni dall’interno e dall’esterno dell’Afghanistan.

In una dichiarazione congiunta venerdì, dieci membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno invitato l’Emirato islamico a riaprire tutte le scuole femminili in tutto l’Afghanistan.

La dichiarazione congiunta è stata rilasciata da Albania, Brasile, Francia, Gabon, Irlanda, Messico, Regno Unito, Stati Uniti, Norvegia ed Emirati Arabi Uniti.

“Il nostro messaggio è chiaro: tutte le ragazze in Afghanistan dovrebbero poter andare a scuola”, si legge nella dichiarazione

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati