Dati Covid in tempo Reale

All countries
330,527,549
Confermati
Updated on 17 January 2022 21:35
All countries
266,460,092
Ricoverati
Updated on 17 January 2022 21:35
All countries
5,561,739
Morti
Updated on 17 January 2022 21:35

Hong Kong: bassa l’affluenza per le elezioni dei “patrioti”. Alcuni attivisti hanno esortato a boicottare il voto

- Advertisement -

AgenPress – Il voto si è concluso con le elezioni per i soli ‘patrioti’ di rinnovo del parlamentino di Hong Kong procedono con una bassa affluenza: a meno di mezz’ora dalla chiusura delle urne, i votanti totali sono stati 1.184.829, pari al 26,49% degli aventi diritto, in base all’ultima rilevazione fornita dal governo che è delle 19:30 (12:30 in Italia).

A marzo, i funzionari hanno approvato una controversa risoluzione “patrioti” che ha tagliato drasticamente la rappresentanza democratica e ha permesso a Pechino di esaminare ogni candidato.

- Advertisement -

I leader di Hong Kong hanno insistito sul fatto che il cambiamento è necessario per garantire la stabilità. Ma i critici dicono che ha indebolito la democrazia in città.

Arriva dopo che la Cina ha introdotto una legge sulla sicurezza nazionale, che rende più facile punire i manifestanti pro-democrazia a seguito di massicce manifestazioni nel territorio nel 2019.

I seggi si sono aperti alle 08:30 ora locale (00:30 GMT) e si sono chiusi alle 22:30. I risultati completi non sono attesi fino a lunedì.

- Advertisement -

I dati di domenica hanno suggerito che l’affluenza alle urne è stata inferiore rispetto alle precedenti elezioni. Secondo il South China Morning Post, un’ora prima della chiusura delle urne aveva votato circa il 29% dell’elettorato, rispetto al 53% del sondaggio del 2016.

Il Consiglio Legislativo, ampiamente noto come LegCo, è un potente organo che fa e modifica le leggi di Hong Kong.

Solo 20 dei 90 seggi legislativi saranno eletti direttamente, con 40 scelti dal comitato elettorale pro-Pechino e 30 scelti da gruppi di interesse speciale come affari e commercio – che storicamente si appoggiano anche a Pechino.

Prima delle elezioni, i funzionari del governo hanno invitato i 4,5 milioni di elettori registrati della città a partecipare, inviando messaggi di massa sabato per incoraggiare una maggiore affluenza alle urne.

Starry Lee, capo del più grande partito pro-Pechino DAB, ha detto ai giornalisti  che “il feedback dei seggi elettorali ha mostrato che  molte persone non stanno votando” e ha incoraggiato l’elettorato a votare.

Molti esponenti dell’opposizione o della democrazia a Hong Kong sono stati incarcerati, esclusi dal voto o sono andati in esilio. A maggio, l’ attivista di alto profilo Joshua Wong è stato condannato a 10 mesi di carcere per aver preso parte a una veglia non autorizzata in occasione della repressione di piazza Tienanmen del 1989.

“La gente non vuole votare per una camera ufficiale e fingere che tutto vada bene”, ha twittato Nathan Law, un ex legislatore che vive nel Regno Unito ed è ricercato dalle autorità di Hong Kong.

Alcuni attivisti hanno esortato le persone a boicottare le elezioni o a lasciare le schede in bianco per protesta. Sebbene esprimere un voto in bianco sia legale, ora è contro la legge incitare chiunque a farlo o incoraggiarlo a non votare.

Più di 10.000 agenti di polizia erano nelle strade di Hong Kong domenica per “assicurare un processo regolare”, ha detto il capo della polizia Raymond Siu.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati