Dati Covid in tempo Reale

All countries
347,282,497
Confermati
Updated on 22 January 2022 10:46
All countries
274,616,244
Ricoverati
Updated on 22 January 2022 10:46
All countries
5,604,853
Morti
Updated on 22 January 2022 10:46

Kazakihstan. Arrestato ex capo della sicurezza per alto “tradimento”. Colloquio Putin-Jomart Tokayev

- Advertisement -

AgenPress – Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo kazako Kassym-Jomart Tokayev hanno discusso sabato di ristabilire “l’ordine” in Kazakistan dopo giorni di violenze e disordini, poiché diversi funzionari di alto profilo sono stati arrestati con l’accusa di tradimento.

Tokayev ha detto a Putin che la situazione nel suo paese “sta procedendo verso la stabilizzazione” e ha espresso il suo “apprezzamento” per il dispiegamento di un blocco militare guidato dalla Russia in Kazakistan per cercare di controllare la violenza nelle strade, ha affermato il Cremlino in una nota di sabato.
Nel corso della telefonata tra  Tokayev e Putin sabato, gli avrebbe che la situazione nel paese si sta stabilizzando ma “persistono focolai di attacchi terroristici. Pertanto, la lotta al terrorismo continuerà con tutta decisione”.
“I presidenti si sono scambiati opinioni sulle misure adottate per ristabilire l’ordine in Kazakistan”, si legge in una nota del Cremlino nella quale si precisa che è stato concordato di rimanere in contatto “costante”.
Nel frattempo, l’ex capo del Comitato per la sicurezza nazionale del Kazakistan Karim Massimov e alcuni altri funzionari senza nome sono stati arrestati con l’accusa di tradimento, ha annunciato sabato il Comitato per la sicurezza nazionale del paese.
Violente proteste in Kazakistan negli ultimi giorni hanno visto il governo dimettersi e la dichiarazione dello stato di emergenza mentre le truppe di un’alleanza militare guidata dalla Russia si dirigono nel Paese dell’Asia centrale per aiutare a sedare i disordini. Decine sono state le vittime, centinaia i feriti e migliaia di manifestanti detenuti.
Le  rabbia pubblica iniziale per l’aumento dei prezzi del carburante che si espande fino a un più ampio malcontento con il governo per corruzione, standard di vita, povertà e disoccupazione nell’ex nazione sovietica ricca di petrolio, riferiscono le organizzazioni per i diritti umani .
Il 5 gennaio, secondo quanto riferito dai media locali, i manifestanti hanno preso d’assalto l’aeroporto della città più grande del paese, Almaty, sono entrati con la forza negli edifici governativi e hanno dato fuoco al principale ufficio amministrativo della città. Ci sono state anche segnalazioni di scontri mortali con la polizia e l’esercito, un blackout di Internet a livello nazionale e edifici danneggiati in tre grandi città.
La violenza è continuata fino al giorno successivo, con decine di manifestanti uccisi e centinaia feriti, secondo un funzionario di polizia di Almaty. Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa statale russa TASS, le forze di sicurezza hanno sparato sui manifestanti e sono state udite esplosioni vicino a Piazza della Repubblica ad Almaty.
Venerdì il presidente kazako ha dichiarato di aver ordinato alle forze di sicurezza di “uccidere senza preavviso” per reprimere le violente proteste che hanno paralizzato l’ex repubblica sovietica.
In un discorso pubblico  ha affermato che i disordini, iniziati all’inizio di questa settimana come proteste contro l’aumento dei prezzi del carburante, erano stati ideati da “banditi terroristi” ben addestrati sia all’interno che all’esterno del paese.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati