Kiev. In un bunker, vivono 21 bambini nati da madre surrogate. Genitori del Canada, Italia e Cina

- Advertisement -

AgenPress – Il centro di maternità surrogata del BioTexCom Center for Human Reproduction  a Kiev  è stato spostato nel bunker di cemento il primo giorno dell’invasione russa  quasi tre settimane fa, per proteggere i bambini da qualsiasi incendio in arrivo.

Ma situato a poco più di 9 miglia (14 chilometri)  da Irpin, un sobborgo che è stato bersaglio di un assalto russo, è ancora lontano dall’essere sicuro, il che rende difficile per i neogenitori, che si trovano in paesi come Canada, Italia e Cina, per raccogliere i bambini.

- Advertisement -

Lunedì mattina, una surrogata di 30 anni è arrivata alla clinica improvvisata con il bambino che aveva partorito in ospedale una settimana prima. Non è riuscita a trattenere le lacrime mentre consegnava la piccola Laurence allo staff.

“È ancora più difficile che si trovi in ​​un luogo dove ci sono i bombardamenti”, ha detto la surrogata, che voleva solo usare il suo nome, Victoria. “E quando i suoi genitori riusciranno a portarlo via per questo? È davvero difficile.”

I genitori biologici di Baby Laurence, che hanno fornito sia lo sperma che l’ovulo per la gravidanza, vivono all’estero. Ma non è chiaro quando potranno prendere il figlio.

 

- Advertisement -

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati