La Cina protesta con il Giappone per la presenza del vicepresidente di Taiwan al funerale di Shinzo Abe

- Advertisement -

AgenPress – La Cina protesta contro il Giappone per la presenza del vicepresidente di Taiwan, William Lai, ai funerale dell’ex premier Shinzo Abe, presentando attraverso la sua ambasciata “solenni dichiarazioni” al governo di Tokyo.

Lai ha visitato il Giappone in quella che un funzionario giapponese ha descritto come una visita privata per rendere omaggio a un amico di Abe, una mossa che avrebbe sempre sconvolto Pechino, che considera Taiwan governata democraticamente come un proprio territorio senza diritto alle trappole di uno stato.

- Advertisement -

Il portavoce del ministero Wang Wenbin, parlando a una conferenza stampa regolare a Pechino, ha affermato che Taiwan fa parte della Cina e “non ha un cosiddetto vicepresidente”.

“Dopo l’assassinio dell’ex primo ministro giapponese Abe, le autorità di Taiwan hanno colto l’occasione per impegnarsi in manipolazioni politiche”, ha detto Wang. “È impossibile che questo tipo di intrighi abbia successo”.

“Taiwan fa parte della Cina e non ha un cosiddetto vicepresidente. Dopo l’assassinio dell’ex premier Abe, le autorità di Taiwan hanno sfruttato l’opportunità per impegnarsi in manipolazioni politiche”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Wenbin, per il quale “è impossibile che questo tipo di complotti abbia successo”. La Cina vede Taiwan come una provincia ribelle da riunificare anche con la forza.

- Advertisement -

L’agenzia di stampa centrale ufficiale di Taiwan ha affermato che Lai è stato il funzionario più anziano a visitare il Giappone da quando Tokyo ha rotto i legami ufficiali con Taipei nel 1972 e ha stretto relazioni con Pechino.

Abe, ucciso a colpi di arma da fuoco durante una manifestazione elettorale la scorsa settimana, era una figura popolare a Taiwan per il suo sostegno all’isola, e lunedì il presidente Tsai Ing-wen ha visitato l’ambasciata giapponese de facto a Taipei per renderle omaggio.

Lai, un possibile futuro candidato alla presidenza per le prossime elezioni del 2024, dovrebbe tornare a Taiwan più tardi martedì, secondo la Central News Agency.

In vista delle elezioni, dove Tsai non può ricandidarsi per limiti di mandato, Lai ha assunto un ruolo internazionale sempre più importante.

A gennaio ha visitato l’alleato diplomatico di Taiwan, l’Honduras, passando per gli Stati Uniti e sulla via del ritorno, dove ha avuto un incontro virtuale con la presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi.

Ha anche parlato brevemente con il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris mentre era in Honduras, un incontro raro che è stato altamente simbolico e ha provocato rabbia a Pechino in un momento di ribollente tensione con Washington.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati