La Polonia espelle 45 diplomatici russi sospettati di spionaggio. Mosca, daremo una risposta “appropriata”

- Advertisement -

AgenPress – La Polonia ha deciso di espellere 45 diplomatici russi sospettati di spionaggio contro il Paese. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno polacco Mariusz Kaminski. “In modo assolutamente coerente e determinato, stiamo smantellando la rete dei servizi speciali russi nel nostro paese”. 

I 45 russi sono sospettati di essere spie o sono associati di spie, ha detto Stanislaw Zaryn, un portavoce dei servizi speciali polacchi.

- Advertisement -

Uno di loro è stato identificato durante un’indagine su un cittadino polacco, che lavorava nell’archivio dell’ufficio di stato civile di Varsavia, per presunto spionaggio, ha detto Zaryn.

L’ambasciatore della Russia in Polonia, Sergei Andreev, parlando ai giornalisti mentre lasciava il ministero degli esteri polacco, ha confermato le espulsioni, dicendo che le persone coinvolte dovrebbero lasciare la Polonia entro cinque giorni. Ha detto che le accuse di spionaggio sono “infondate”, e ha annunciato che la Russia si riserva il diritto di prendere misure di ritorsione. Le relazioni diplomatiche tra Varsavia e Mosca non sono state interrotte, ha aggiunto il diplomatico: “Le ambasciate rimangono, gli ambasciatori rimangono”.

Mosca darà una risposta “appropriata” all’espulsione di 45 diplomatici russi dalla Polonia, replica  il ministero degli Esteri russo.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati