La Russia attacca l’area di Kiev con sei missili lanciati dal Mar Nero. 15 feriti

- Advertisement -

AgenPress – Le forze russe hanno lanciato un attacco missilistico nell’area di Kiev per la prima volta dopo alcune settimane colpendo anche la regione settentrionale di Chernihiv, in quella che l’Ucraina ha definito una vendetta per aver resistito al Cremlino.

I funzionari ucraini, nel frattempo, hanno annunciato una controffensiva per riprendersi la regione occupata di Kherson nel sud del paese, territorio sequestrato dalle forze del presidente russo Vladimir Putin all’inizio della guerra.

- Advertisement -

La Russia ha attaccato la regione di Kiev con sei missili lanciati dal Mar Nero, colpendo un’unità militare nel villaggio di Liutizh alla periferia della capitale, secondo Oleksii Hromov, un alto funzionario dello stato maggiore ucraino.

Ha detto che l’attacco ha rovinato un edificio e danneggiato altri due, e che le forze ucraine hanno abbattuto uno dei missili nella città di Bucha.

Quindici persone sono rimaste ferite negli attacchi russi, cinque delle quali civili, ha detto il governatore regionale di Kiev Oleksiy Kuleba.

- Advertisement -

Kuleba ha collegato gli assalti al Giorno dello Stato, una commemorazione che il presidente Volodymyr Zelenskyy ha istituito lo scorso anno e che l’Ucraina ha segnato per l’epoca giovedì.

“La Russia, con l’aiuto dei missili, sta aumentando la vendetta per la diffusa resistenza popolare, che gli ucraini sono stati in grado di organizzare proprio grazie alla loro statualità”, ha detto Kuleba alla televisione ucraina. “L’Ucraina ha già infranto i piani della Russia e continuerà a difendersi”.

Il governatore regionale di Chernihiv Vyacheslav Chaus ha riferito che i russi hanno anche lanciato missili dal territorio della Bielorussia nel villaggio di Honcharivska. La regione di Chernihiv non era stata presa di mira da settimane.

Le truppe russe si sono ritirate dalle regioni di Kiev e Chernihiv mesi fa dopo non essere riuscite a catturarle. Gli attacchi arrivano il giorno dopo che il leader dei separatisti filo-Cremlino nell’est, Denis Pushilin, ha esortato le forze russe a “liberare le città russe fondate dal popolo russo: Kiev, Chernihiv, Poltava, Odesa, Dnipropetrovsk, Kharkiv, Zaporizhzhia, Lutsk .”

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati