La Russia recluta i “detenuti anche assassini” per la guerra in Ucraina in cambio di “amnistia”

- Advertisement -

AgenPress – Nella Federazione Russa, viste le notevoli perdite nella guerra in Ucraina e la mancanza di persone disposte a entrare in guerra, si stanno reclutando nuove reclute tra i detenuti.

Come informa la Direzione principale dell’intelligence del Ministero della Difesa ucraino, la Federazione Russa ha intensificato il reclutamento per compagnie militari private, reclutando in luoghi di privazione della libertà.

- Advertisement -

In particolare, questo sta accadendo nella Repubblica di Adygea. A “Zekam” viene promessa un’amnistia completa dopo la firma e l’adempimento del contratto. Il raduno delle reclute si svolge in un campo di addestramento militare vicino al villaggio di Molkino nel territorio di Krasnodar. È noto come base di addestramento per i combattenti del PMK “Wagner”.

Un lavoro simile viene svolto nelle carceri di Rostov, San Pietroburgo e Nizhny Novgorod.

L’articolo in base al quale una determinata persona è stata condannata non è importante. Anche se si tratta di omicidio o altri reati gravi. A tutti viene promessa un’amnistia completa dopo 6 mesi di servizio, osserva l’agenzia di intelligence.

- Advertisement -

Allo stesso tempo, tutti i “detenuti” devono indossare gettoni speciali che ne indicano lo stato.

“Durante le interviste condotte dai militari della Direzione principale dello Stato maggiore delle forze armate della Federazione Russa, le reclute vengono informate che è prevista l’assunzione di un massimo di 10.000 volontari entro due mesi. Successivamente, la composizione del PEC sarà ridistribuito nel territorio del Donbas. Tra i compiti principali c’è l’istituzione del controllo sulle strade in direzione di Izyum – Slovyansk – Bakhmut”, afferma il messaggio del governo statale.

Il Dipartimento dell’FSB della Federazione Russa nella regione di Kostroma ha inviato al capo del distretto municipale di Vokhom una richiesta di fornire informazioni di base sulle persone inclini a commettere crimini ai sensi dell’art. 207.3, art. 280.3 del codice penale della Federazione Russa (diffusione pubblica di informazioni false e azioni per screditare le forze armate della Federazione Russa e la loro partecipazione all’aggressione contro l’Ucraina). Quando si raccolgono tali informazioni, viene prestata particolare attenzione ai parenti stretti dei militari che sono morti sul territorio dell’Ucraina o hanno partecipato alla guerra.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati