MariupoI. 1700 persone “evacuate con forza” ogni giorno dalle truppe russe e portate in Russia

- Advertisement -

AgenPress – Un residente della città portuale meridionale assediata di Mariupol ha raccontato che lei, e centinaia di altri residenti, non avevano “alcuna scelta” se non quella di partire per le parti dell’Ucraina controllate dai russi o la stessa Russia.

Alla domanda se i residenti della città siano stati “evacuati con la forza” dalle forze di occupazione russe, Irina dice: “Sì, lo direi… Se siamo completamente onesti, tutti noi siamo stati presi con la forza”.

- Advertisement -

Irina, una volontaria della Croce Rossa a Mariupol a cui è stato permesso di conservare i suoi documenti, dice che tutti dalla parte orientale della città sono stati portati nella Repubblica popolare di Donetsk (DPR) non riconosciuta, un territorio occupato dalla Russia che Mosca riconosce come indipendente.

Una volta lì, dice, le persone dovevano decidere se rimanere nella DPR o andare in Russia.

Sebbene a lei e a sua figlia sia stato permesso di andare a stare con i parenti in Russia, Irina dice che “alcuni anziani che conosco e che ho incontrato al punto di distribuzione non sapevano dove fossero diretti e per cosa”.

- Advertisement -

“Pensavano che sarebbero stati in grado di rimanere a Rostov per un paio di mesi… e poi forse tornare a Mariupol. Invece, sono stati portati a Samara [in Russia]. Hanno detto che non avevano idea di cosa fare lì, e il l’alloggio è previsto solo per due settimane.

Mariupol è stata duramente colpita dagli attacchi russi, con migliaia di residenti costretti a fuggire dalla città dopo che le forniture di acqua ed elettricità sono state interrotte.

Denis Pushilin, il leader della Repubblica popolare filo-russa di Donetsk, ha detto che circa 1.700 persone venivano “evacuate” ogni giorno dalla città portuale ucraina assediata di Mariupol e da altre città “al centro di alloggio temporaneo per gli sfollati di Volodar”.

“A sua volta, lo stesso numero di persone lo sta lasciando”, ha detto Pushilin in una dichiarazione su Telegram, riferendosi a un insediamento noto come Nikolske, a circa 13 miglia (21 chilometri) a nord-ovest di Mariupol. 

“I residenti di Mariupol e altri insediamenti che vengono liberati dall’occupazione del regime di Kiev arrivano qui”, ha detto Pushilin. “Le persone ricevono i beni di prima necessità, le cure mediche e poi vengono evacuate nella Federazione Russa”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati