Mariupol. Donne e bambini deportate in città russe “ignote”, che “non possono lasciare per due anni”

- Advertisement -

AgenPress – I residenti di Mariupol, in Ucraina, sono stati portati in territorio russo contro la loro volontà dalle forze russe, secondo una dichiarazione sabato dal consiglio comunale di Mariupol.

“Nell’ultima settimana, diverse migliaia di residenti di Mariupol sono stati portati in territorio russo. Gli occupanti hanno preso illegalmente persone dal distretto di Livoberezhny e dal rifugio nell’edificio del club sportivo, dove più di mille persone (per lo più donne e bambini) si nascondevano dai continui bombardamenti”, si legge nella dichiarazione.

- Advertisement -

I residenti catturati di Mariupol sono stati portati nei campi dove le forze russe hanno controllato i loro telefoni e documenti, ha detto il consiglio comunale, e poi sono stati reindirizzati in remote città russe.

La città assediata è sotto  un bombardamento quasi costante , secondo un maggiore dell’esercito ucraino, e i residenti stanno razionando cibo e acqua mentre i corpi vengono lasciati nelle strade.

Il difensore civico dei diritti umani dell’Ucraina Ludmila Denisova in un post su Telegram, riportato dal Guardian, ha accusato le forze russe di trasportare con la forza i cittadini ucraini in Russia.

- Advertisement -

“Negli ultimi giorni, diverse migliaia di residenti di Mariupol sono stati deportati in Russia – afferma – Si tratta di persone del quartiere della riva sinistra della città e del rifugio antiatomico nell’edificio del club sportivo, dove più di mille persone (per lo più donne e bambini) si sono nascoste dai continui bombardamenti. È noto che i residenti di Mariupol catturati sono stati portati in campi di filtraggio, dove gli occupanti hanno controllato i telefoni e i documenti delle persone. Dopo l’ispezione, alcuni residenti di Mariupol sono stati trasportati a Taganrog e da lì inviati in treno in varie città economicamente depresse della Russia. I nostri cittadini hanno ricevuto dei documenti che li obbligano a stare in una certa città. Non hanno il diritto di lasciarla per almeno due anni con l’obbligo di lavorare nel posto di lavoro specificato. Il destino degli altri rimane sconosciuto”.

Denisova ha accusato la Russia di una grave violazione delle leggi internazionali, compresa la convenzione di Ginevra, e ha chiesto alla comunità internazionale di aumentare le sanzioni contro la Russia.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati