Mariupol. I russi hanno usato un’arma chimica causando problemi respiratori. Blinken, c’è il rischio

- Advertisement -

AgenPress – La Russia ha usato una sospetta arma chimica nella città assediata di Mariupol, sostiene l’Ucraina .

Secondo quanto riferito, le truppe ucraine che difendono la città stanno soffrendo di insufficienza respiratoria, vertigini e altri sintomi a causa della “sostanza sconosciuta”.

- Advertisement -

Viene dopo molteplici avvertimenti che la Russia potrebbe usare armi chimiche per rompere lo stallo in Ucraina.

I ribelli separatisti filo-russi hanno affermato che il Cremlino potrebbe usare armi chimiche per sconfiggere i difensori del Mariupol.

Nel frattempo, ieri il Ministero della Difesa ha previsto che bombe mortali al fosforo potrebbero essere utilizzate nel tentativo di rompere la resistenza.

- Advertisement -

Lunedì sera, Ivanna Klympush, una parlamentare ucraina, ha twittato: “La Russia 1 ora e mezza fa ha usato sostanze sconosciute a #Mariupol .

Il reggimento Azov ucraino di estrema destra ha dichiarato: “Le forze di occupazione russe hanno usato una sostanza velenosa di origine sconosciuta contro militari e civili ucraini nella città di Mariupol, che è stata lanciata da un drone nemico.

“Le vittime hanno insufficienza respiratoria… gli effetti della sostanza sconosciuta vengono chiariti.”

Gli Stati Uniti non hanno potuto confermare l’uso di armi chimiche in Ucraina, ha detto il segretario di Stato Antony Blinken, ma ha osservato che “avevano informazioni credibili sul fatto che le forze russe potrebbero utilizzare una varietà di agenti antisommossa”.

Blinken ha detto che questi includono “gas lacrimogeni mescolati con agenti chimici che causerebbero sintomi più forti per indebolire e rendere inabili combattenti e civili ucraini trincerati, come parte della campagna aggressiva per prendere Mariupol”.

“Siamo in conversazione diretta con i partner per cercare di determinare cosa, cosa è effettivamente successo”, ha detto Blinken al Dipartimento di Stato. 

“Quindi questa è una vera preoccupazione. È una preoccupazione che avevamo prima dell’inizio dell’aggressione. Penso di aver sottolineato la possibilità che questo tipo di armi sarebbero state usate ed è qualcosa su cui siamo molto, molto concentrati”, ha aggiunto.

Nel frattempo, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha dichiarato martedì che gli Stati Uniti hanno fornito attrezzature all’Ucraina “per proteggerla dal potenziale uso di armi chimiche”.

Price ha anche affermato che gli Stati Uniti sono pronti ad aiutare l’Ucraina a indagare sul potenziale uso di agenti chimici.

“Abbiamo avuto conversazioni dirette con i nostri partner ucraini mentre raccoglievano fatti e prove. Siamo pronti ad aiutare nel caso in cui possiamo essere utili in termini di tale indagine, sia che si tratti di qualsiasi tipo di capacità tecnica o qualsi

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati