Marocco. Il piccolo Rayan è stato trovato morto. Re Mohammed VI telefona ai genitori per porgere le sue condoglianze

- Advertisement -

AgenPress – La corsa per salvare un bambino di cinque anni caduto da 32 metri in un pozzo in Marocco si è conclusa in tragedia sabato quando è stato trovato morto.

Il palazzo reale marocchino ha confermato che Rayan, rimasto intrappolato nel pozzo profondo per quattro giorni, è morto.

- Advertisement -

Il re marocchino Mohammed VI ha telefonato a Khaled Awram e Wassima Khersheesh, i genitori di Rayan, per porgere le sue condoglianze alla famiglia per la tragica scomparsa del ragazzo, ha affermato il palazzo in una dichiarazione separata.

Milioni di persone in tutto il mondo che hanno guardato un feed video in diretta dalla scena hanno trattenuto il respiro mentre i soccorritori e un’équipe medica sono emersi da un tunnel che trasportava Rayan Awram, che era rimasto intrappolato da martedì.

L’operazione di salvataggio è stata costantemente ritardata da rocce e messa in pericolo dalla minaccia di frane.

- Advertisement -

Il bambino è stato avvolto in una coperta gialla dopo essere emerso da un tunnel scavato appositamente per i soccorsi, ed è stato subito portato in ambulanza su un elicottero dove è stato trasportato all’ospedale più vicino, poco prima che il palazzo rilasciasse la dichiarazione di conferma della sua morte.

In precedenza, il re ha affermato che stava seguendo da vicino gli sviluppi e aveva impartito istruzioni a tutte le autorità interessate di prendere le misure necessarie e di esaurire tutti gli sforzi per salvargli la vita.

Il re Mohammed ha anche espresso il suo apprezzamento per gli instancabili sforzi compiuti dalle squadre di soccorso, nonché per le attività collettive e il forte sostegno di vari gruppi e famiglie marocchine durante questa dolorosa occasione. Il ragazzo è stato tirato fuori sabato notte dai soccorritori dopo un lungo e delicato e operazione pericolosa che ha catturato l’attenzione globale.

I lavoratori con escavatori meccanici hanno cercato 24 ore su 24 di salvare il bambino. 

“Speriamo di non incontrare rocce”, ha detto sabato pomeriggio il principale soccorritore Abdelhadi Tamrani ai giornalisti sul sito, mentre c’erano ancora diversi metri da scavare.

Messaggi online di sostegno e preoccupazione per il ragazzo sono arrivati ​​da tutto il mondo mentre i soccorsi si trascinavano per tutta la notte.

I soccorritori hanno utilizzato una corda per inviare ossigeno e acqua al ragazzo, nonché una telecamera per monitorarlo. Sabato mattina, il capo del comitato di salvataggio, Abdelhadi Temrani, ha dichiarato: “Al momento non è possibile determinare le condizioni del bambino. Ma speriamo in Dio che il bambino sia vivo”.

Le squadre di soccorso, utilizzando bulldozer e caricatori frontali, hanno scavato la terra rossa circostante fino al livello in cui il ragazzo era intrappolato e scavato orizzontalmente verso di lui, a mano.

Hanno affrontato il rischio di frane e sabato hanno dovuto manovrare attorno a un grosso masso che gli impediva la strada.

In precedenza, nell’oscurità, le squadre avevano spostato un tubo pesante in posizione nell’area. Un soccorritore ha trascinato quello che sembrava essere un martello pneumatico.

Un freddo glaciale aveva attanagliato questa regione montuosa e impoverita del Rif, che si trova a un’altitudine di circa 700 metri (2.300 piedi).

Migliaia di persone si sono radunate e si sono persino accampate in solidarietà intorno al sito nei giorni scorsi e gli spettatori hanno applaudito per incoraggiare i soccorritori, cantato canti religiosi o pregato, cantando all’unisono “Allahu akbar” (Dio è il più grande).

Il pozzo, largo solo 45 centimetri (18 pollici), era troppo stretto per raggiungere Rayan e allargarlo era ritenuto troppo rischioso, quindi i movimento terra scavarono un ampio pendio nella collina per raggiungerlo di lato.

L’operazione ha reso il paesaggio simile a un cantiere edile. Coinvolge ingegneri e topografi, ed è stato reso più complesso dal mix di terreni rocciosi e sabbiosi.

“Continuo a sperare che mio figlio esca vivo dal pozzo”, ha detto il padre di Rayan alla televisione pubblica 2M venerdì sera. “Ringrazio tutti coloro che sono coinvolti e coloro che ci supportano in Marocco e altrove”.

All’inizio della settimana ha detto che stava riparando il pozzo quando il ragazzo è caduto.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati