Dati Covid in tempo Reale

All countries
180,089,013
Confermati
Updated on 23 June 2021 17:30
All countries
163,111,267
Ricoverati
Updated on 23 June 2021 17:30
All countries
3,901,071
Morti
Updated on 23 June 2021 17:30

Meeting Rimini. Draghi, i sussidi servono a sopravvivere. Ai giovani bisogna dare di più

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Nell’affrontare la crisi attuale legata alla pandemia da coronavirus “il pragmatismo è necessario”, con la direzione delle risposte che, “al di là delle singole agende nazionali, è stata corretta”.

Lo ha detto l’ex presidente della Bce Mario Draghi intervenendo alla giornata inaugurale del Meeting per l’amicizia fra i popoli a Rimini.

“Molte delle regole che avevano disciplinato le nostre economie fino all’inizio della pandemia sono state sospese per far spazio a un pragmatismo che meglio rispondesse alle mutate condizioni”, ha evidenziato. “Dobbiamo accettare l’inevitabilità del cambiamento con realismo e, almeno finché non sarà trovato un rimedio, dobbiamo adattare i nostri comportamenti e le nostre politiche. Ma non dobbiamo rinnegare i nostri principii. Dalla politica economica ci si aspetta che non aggiunga incertezza a quella provocata dalla pandemia e dal cambiamento. Altrimenti finiremo per essere controllati dall’incertezza invece di esser noi a controllarla.  Perderemmo la strada”, ha aggiunto Draghi.

“Quando la fiducia tornava a consolidarsi e con essa la ripresa economica, siamo stati colpiti ancor più duramente dall’esplosione della pandemia: essa minaccia non solo l’economia, ma anche il tessuto della nostra società, così come l’abbiamo finora conosciuta; diffonde incertezza, penalizza l’occupazione, paralizza i consumi e gli investimenti”.

“In questo susseguirsi di crisi i sussidi che vengono ovunque distribuiti sono una prima forma di vicinanza della società a coloro che sono più colpiti, specialmente a coloro che hanno tante volte provato a reagire. I sussidi servono a sopravvivere, a ripartire” ha detto Draghi.

“Ai giovani bisogna però dare di più: i sussidi finiranno e resterà la mancanza di una qualificazione professionale, che potrà sacrificare la loro libertà di scelta e il loro reddito futuri”.

Un futuro che ha ricordato l’ex governatore della Bce sarà segnato dal debito elevato. “La ricostruzione sarà inevitabilmente accompagnata da stock di debito destinati a rimanere elevati a lungo. Questo debito, sottoscritto da Paesi, istituzioni, mercati e risparmiatori, sarà sostenibile, continuerà cioè a essere sottoscritto in futuro, se utilizzato a fini produttivi – ad esempio investimenti nel capitale umano, nelle infrastrutture cruciali per la produzione, nella ricerca ecc. -, se è cioè “debito buono”. La sua sostenibilità verrà meno se invece verrà utilizzato per fini improduttivi, se sarà considerato “debito cattivo”. 

“Il debito creato con la pandemia è senza precedenti e dovrà essere ripagato principalmente da coloro che sono oggi i giovani. È nostro dovere – aggiunge – far sì che abbiano tutti gli strumenti per farlo pur vivendo in società migliori delle nostre. Per anni una forma di egoismo collettivo ha indotto i governi a distrarre capacità umane e altre risorse in favore di obiettivi con più certo e immediato ritorno politico: ciò non è più accettabile oggi. Privare un giovane del futuro è una delle forme più gravi di diseguaglianza”.

C’è “un settore, essenziale per la crescita”, dove “la visione di lungo periodo deve sposarsi con l’azione immediata”. Questo è “l’istruzione e, più in generale, l’investimento nei giovani”, ha ribadito Draghi. “La situazione presente – ha precisato Draghi – rende imperativo e urgente un massiccio investimento di intelligenza e di risorse finanziarie in questo settore. La partecipazione alla società del futuro richiederà ai giovani di oggi ancor più grandi capacità di discernimento e di adattamento”.

 

Altre News

Articoli Correlati