Mosca. Peskov: la Russia userebbe armi nucleari solo quando c’è una minaccia per l’esistenza del Paese

- Advertisement -

AgenPress – La Russia userebbe armi nucleari solo quando c’è una minaccia per l’esistenza del paese – e non a causa della guerra in corso in Ucraina, ha detto lunedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov in un’intervista a PBS Newshour.

Qualsiasi risultato dell’operazione (in Ucraina), ovviamente, non è un motivo per l’uso di un’arma nucleare”, ha detto Peskov. “Abbiamo un concetto di sicurezza che afferma molto chiaramente che solo quando c’è una minaccia per l’esistenza dello stato, nel nostro paese, possiamo usare e useremo effettivamente le armi nucleari per eliminare la minaccia per l’esistenza del nostro paese.

- Advertisement -

Alla domanda sui commenti del presidente degli Stati Uniti Joe Biden che definiscono Vladimir Putin un “macellaio” e dichiarano che il presidente russo non dovrebbe più rimanere al potere, Peskov ha detto “è piuttosto allarmante”.

“È un insulto personale”, ha detto Peskov. “Certo, è del tutto inaccettabile. Non spetta al presidente degli Stati Uniti decidere chi sarà e chi sarà il presidente della Federazione Russa”.

Peskov ha negato che le forze russe abbiano deliberatamente preso di mira i civili in Ucraina, nonostante le forze ucraine, i giornalisti e i rifugiati siano fuggiti dal paese descrivendo brutali bombardamenti che hanno colpito le infrastrutture civili tra cui case, scuole, ospedali e altro ancora.

- Advertisement -

“Non stanno bombardando case. Non sono appartamenti da bombardamento. Non stanno bombardando oggetti civili”, ha detto Peskov. “Stanno solo bombardando e mirano alle infrastrutture militari”.

Gli Stati Uniti hanno ufficialmente dichiarato la scorsa settimana che le forze russe avevano commesso crimini di guerra in Ucraina. Anche la Corte penale internazionale dell’Aia ha avviato un’indagine sull’invasione.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati