Home Estero Muore a 97 anni Raphael Esrail. Sopravvissuto ad Auschwitz, aiutò gli ebrei...

Muore a 97 anni Raphael Esrail. Sopravvissuto ad Auschwitz, aiutò gli ebrei a non essere deportati nei lager

0
175

AgenPress – Raphaël Esrail, presidente e “incarnazione” dell’Unione dei deportati di Auschwitz (UDA), è morto di cancro sabato all’ospedale Lannion (Côtes-d’Armor), all’età di 96 anni. Lo ha annunciato domenica l’UDA in un comunicato stampa.

“Era l’incarnazione dell’Unione dei Deportati”, ha dichiarato Isabelle Ernot, direttrice scientifica dell’UDA, aggiungendo: “Era un attore essenziale nella raccolta della memoria, nella sua valorizzazione educativa e nella sua trasmissione. »

Raphaël Esrail è nato il 10 maggio 1925 in Turchia “da una famiglia ebrea emigrata in Francia l’anno successivo”, ricorda l’UDA nel suo comunicato stampa. Membro della resistenza ebraica a Lione dove fece carte false, fu arrestato e poi internato nel campo di Drancy, prima di essere deportato ad Auschwitz-Birkenau il 3 febbraio 1944, quando aveva appena 19 anni.

“È sopravvissuto alle condizioni disumane del lavoro forzato imposte dalla ‘soluzione finale’, ha affrontato le ‘marce della morte’ dal 18 gennaio 1945”, ricorda l’UDA. Rilasciato dalle truppe americane il 25 aprile 1945, si riunì alla moglie, anche lei sopravvissuta ad Auschwitz. Dopo aver studiato all’Ecole Centrale de Lyon, ha avuto una lunga carriera a Gaz de France, fino al 1988.

Nel 1986 è diventato segretario generale dell’Unione dei deportati, poi nel 2008 ha assunto la presidenza dell’associazione, dove ha perseguito “una missione di conoscenza e di resilienza che i sopravvissuti si sono dati”, precisa l’UDA. Era stato promosso Comandante della Legion d’Onore nell’aprile 2016 e aveva pubblicato nel 2017 con Robert Laffont la sua autobiografia intitolata La speranza di un bacio.

“Testimone instancabile, presidente visionario, personalità straordinaria, Raphaël Esrail non c’è più ma la sua opera resta e rimarrà viva. La sua presenza ci circonda con la sua benevolenza e la sua intelligenza, ci ordina di seguire le sue orme”, scrive l’Unione dei Deportati, che le renderà omaggio a Parigi. Raphaël Esrail sarà sepolto a Biarritz la prossima settimana.