Dati Covid in tempo Reale

All countries
157,566,210
Confermati
Updated on 8 May 2021 07:22
All countries
135,872,929
Ricoverati
Updated on 8 May 2021 07:22
All countries
3,284,549
Morti
Updated on 8 May 2021 07:22
spot_img

Nel 2020 un crollo del Pil senza precedenti

AgenPress. Nel 2020 il Pil (Prodotto Interno Lordo) ai prezzi di mercato è stato pari a 1.651.595 milioni di euro correnti, con una caduta del 7,8% rispetto all’anno precedente. In volume il Pil è diminuito dell’8,9%.

Lo ha reso noto l’Istat spiegando che “nel 2020 l’economia italiana ha registrato una contrazione di entità eccezionale per gli effetti economici delle misure di contenimento connesse all’emergenza sanitaria”.

L’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche, misurato in rapporto al Pil, è stato pari a -9,5%, a fronte del -1,6% nel 2019. Dal lato della domanda interna nel 2020 si registra, in termini di volume, un calo del 9,1% degli investimenti fissi lordi e del 7,8% dei consumi finali nazionali. Per quel che riguarda i flussi con l’estero, le esportazioni di beni e servizi sono scese del 13,8% e le importazioni del 12,6%. La domanda nazionale al netto delle scorte ha contribuito negativamente alla dinamica del Pil per 7,8 punti percentuali.

L’apporto della domanda estera netta è stato negativo per 0,8 punti e quello della variazione delle scorte per 0,3 punti. Il valore aggiunto ha registrato cali in volume in tutti i settori: -6,0% nell’agricoltura, silvicoltura e pesca, -11,1% nell’industria in senso stretto, -6,3% nelle costruzioni e -8,1% nelle attività dei servizi. Il saldo primario (indebitamento netto meno la spesa per interessi) misurato in rapporto al Pil, è stato pari a -6% (+1,8% nel 2019).

A trascinare la caduta del Pil (-8,9%) è stata soprattutto – è il commento dell’Istat – la domanda interna, mentre la domanda estera e la variazione delle scorte hanno fornito un contributo negativo limitato. Dal lato dell’offerta di beni e servizi, il valore aggiunto ha segnato cadute marcate, particolarmente nelle attività manifatturiere e in alcuni comparti del terziario. La contrazione dell’attività produttiva si è accompagnata a una decisa riduzione dell’input di lavoro e dei redditi”.

L’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche “ha registrato un netto peggioramento rispetto al 2019 per la caduta delle entrate e per il consistente aumento delle uscite, dovuto alle misure di sostegno introdotte per contrastare gli effetti della crisi su famiglie e imprese”.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati