Dati Covid in tempo Reale

All countries
197,547,087
Confermati
Updated on 30 July 2021 12:58
All countries
176,947,674
Ricoverati
Updated on 30 July 2021 12:58
All countries
4,218,474
Morti
Updated on 30 July 2021 12:58

Recovery. Draghi, scadenza 30 aprile per avere fondi prima. Dare ai giovani casa e lavoro

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – “Indubbiamente i tempi erano ristretti ma la scadenza del 30 aprile non è mediatica, è che se si arriva prima si avranno i fondi prima. La commissione andrà sui mercati a fare la provvista per il fondo a maggio, poi la finestra si chiuderà nell’estate: se si consegna il piano subito si avrà accesso alla prima provvista sennò si andrà più avanti”.

Lo dice il premier Mario Draghi nella replica in Aula alla Camera, parlando poi dei ragazzi. “L’intero piano è un investimento sul futuro e sulle giovani generazioni,  Come ho già detto ieri, dobbiamo garantire ai nostri giovani welfare, sicurezza abitativa e un mercato del lavoro adeguato”.

L’esecutivo non sarà il solo protagonista della stagione del Recovery:  “La vera sfida non appena il piano viene consegnato è di trovare un modo di attuazione dove le amministrazioni locali e il governo centrale, che sono chiamati a mole di interventi, trovino uno schema di governo del piano. Il vero governo non è cosa fa Palazzo Chigi, che comitati si formano, il punto nodale è questo. È chiaro per i ministeri il processo ma è molto più complesso il coordinamento tra governo e enti locali che sono gli attuatori del piano a cui sono destinati poco meno di 90 mldl”.  Il Piano nazionale di ripresa e resilienza, ha continuato, “permette investimenti che sarebbero stati impossibili e impensabili fino a pochi giorni fa. Tutto il piano è un investimento sul futuro e sulle nuove generazioni”.

Per il mezzogiorno “il piano esplicita che le risorse corrispondono al 40% a fronte del 34 per cento della popolazione, 82 mld sono una cifra più alta del pil. Sono misure che si inseriscono in visione complessiva per far ripartire e accelerare una crescita del sud ferma da ormai mezzo secolo”.

Altre News

Articoli Correlati