Ucraina. Missili russi uccidono 23 persone a Vinnytsia. 100 feriti. Austria condanna “atroce” attacco

- Advertisement -

AgenPress – I missili russi hanno colpito una città dell’Ucraina centrale giovedì, uccidendo almeno 23 persone e ferendone più di 100 lontano dalla prima linea, hanno affermato le autorità ucraine. Il presidente dell’Ucraina ha accusato la Russia di prendere di mira deliberatamente i civili in luoghi privi di valore militare.

Funzionari hanno affermato che i missili da crociera Kalibr lanciati da una nave russa nel Mar Nero hanno danneggiato una clinica medica, uffici, negozi ed edifici residenziali a Vinnytsia, una città a 268 chilometri (167 miglia) a sud-ovest della capitale, Kiev. Il governatore della regione di Vinnytsia Serhiy Borzov ha affermato che le difese aeree ucraine hanno abbattuto due dei quattro missili russi in arrivo.

- Advertisement -

Il capo della polizia nazionale Ihor Klymenko ha detto che finora sono stati identificati solo sei corpi, mentre 39 persone sono ancora disperse. Tre bambini di età inferiore ai 10 anni erano tra i morti. Delle 66 persone ricoverate in ospedale, cinque sono rimaste in condizioni critiche mentre 34 hanno riportato ferite gravi, ha affermato il servizio di emergenza statale ucraino.

“Era un edificio di un’organizzazione medica. Quando il primo razzo l’ha colpito, il vetro è caduto dalle mie finestre”, ha detto Svitlana Kubas, 74 anni, residente a Vinnytsia. “E quando è arrivata la seconda ondata, è stato così assordante che la mia testa continua a ronzare. Ha strappato la porta più esterna, l’ha strappata attraverso i buchi”.

La Russia ha negato di prendere di mira i civili.

- Advertisement -

“La Russia colpisce solo obiettivi militari in Ucraina. L’attacco a Vinnytsia ha preso di mira una residenza di ufficiali, dove erano in corso i preparativi delle forze armate ucraine”, ha detto in un discorso alla Camera Evgeny Varganov, un membro della missione permanente delle Nazioni Unite della Russia.

Tra gli edifici danneggiati dallo sciopero c’era la Casa degli Ufficiali, una sala da concerto di epoca sovietica.

Margarita Simonyan, capo della rete televisiva russa controllata dallo stato RT, ha detto sul suo canale di app di messaggistica che funzionari militari le hanno detto che un edificio a Vinnytsia era stato preso di mira perché ospitava “nazisti” ucraini.

Il ministero degli Esteri austriaco ha condannato “fermamente l’atroce attacco” sottolineando che i colpevoli di questo “crimine di guerra” devono essere chiamati a risponderne. “Condanniamo fermamente l’atroce attacco della Russia contro i civili a Vinnytsia oggi, che ha ucciso più di 20 persone innocenti, compresi i bambini – si legge in un messaggio pubblicato ieri sera su Twitter -. Prendere di mira i civili è un crimine di guerra, non può esserci impunità, gli autori di queste atrocità devono essere chiamati a risponderne”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati