Ucraina. Petizione per legalizzare matrimonio tra persone dello stesso sesso. Zelensky deve rispondere

- Advertisement -

AgenPress – Una petizione in Ucraina che chiede la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso ha ottenuto sufficienti firme per consentire al presidente di prendere in considerazione la proposta.

La petizione ha più di 28.000 firme, il che significa che il presidente Volodymyr Zelensky ha ora 10 giorni per rispondere.

- Advertisement -

L’omosessualità non è illegale in Ucraina, ma i matrimoni omosessuali e le unioni civili non sono riconosciuti.

Ciò ha causato problemi particolari alle persone LGBT che si sono arruolate nell’esercito dopo l’invasione della Russia.

Ad esempio, secondo la legge ucraina, se qualcuno in una relazione omosessuale muore, il suo partner non può raccogliere il suo corpo o seppellirlo.

- Advertisement -

La petizione online dice: “In questo momento, ogni giorno può essere l’ultimo”.

Un’organizzazione LGBT ha descritto la petizione come un “momento importante” per i membri della comunità.

“È importante che le persone LGBTQ abbiano il diritto di vedere il proprio partner e prendere il proprio corpo dall’obitorio e chiedere un risarcimento se necessario”, ha detto Oksana Solonska, responsabile delle comunicazioni con i media al Kyiv Pride.

“Tutte le coppie sposate hanno questi diritti. Speriamo davvero che il matrimonio tra persone dello stesso sesso venga legalizzato, così le persone saranno in grado di prendersi cura l’una dell’altra”, ha aggiunto.

Qualsiasi petizione in Ucraina che raccolga più di 25.000 firme fa scattare automaticamente la considerazione del presidente. Tuttavia ciò non garantisce alcuna modifica alla legge attuale e non è chiaro se il signor Zelensky si sposterà per legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Sebbene siano stati compiuti alcuni sforzi per proteggere le persone LGBT in Ucraina, come una legge contro la discriminazione introdotta nel 2015, la sua comunità LGBT ha subito omofobia, intolleranza e violenza.

Nel 2013, la prima marcia ufficiale del Pride del paese si è tenuta a Kiev nonostante le proteste: doveva svolgersi l’anno precedente, ma è stata annullata dopo che un raduno di skinhead ha minacciato i partecipanti.

E nel 2018, attivisti sono stati attaccati a una manifestazione transgender di Kiev da militanti di estrema destra.

Ma nonostante i rischi, la parata del Pride è cresciuta in popolarità e l’anno scorso più di 7.000 persone hanno preso parte a una marcia nella capitale, stimano gli organizzatori.

Secondo un sondaggio condotto dall’Istituto internazionale di sociologia di Kiev a maggio, negli ultimi sei anni il numero di persone che hanno una “visione negativa” della comunità LGBT è diminuito dal 60,4% al 38,2%.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati