Ucraina. Putin nomina comandante un altro criminale, Alexander Dvornikov, il “macellaio della Siria”

- Advertisement -

AgenPress – La Russia ha nominato un nuovo comandante per una guerra su vasta scala in Ucraina. Ora è guidato dal generale Alexander Dvornikov, che ha una vasta esperienza in Siria. Il Cremlino sta perdendo la guerra e sta cercando di salvare la situazione cercando di migliorare il coordinamento tra i suoi militari.

Alexander Dvornikov, 60 anni, uno degli ufficiali militari più esperti, e, secondo i funzionari statunitensi, un comandante con una reputazione di brutalità contro i civili in Siria e in altri scenari di guerra. C’è chi osa persino chiamarlo “il Macellaio della Siria”.

- Advertisement -

Dvornikov, nato nel 1961 e iniziato nell’esercito dell’Unione Sovietica, era al comando delle truppe russe in Siria tra il 2015 e il 2016, durante l’offensiva contro il jihadismo e anche contro le truppe ribelli di fronte al regime di Bashar al-Assad. In quell’offensiva, gli aerei russi bombardarono aree densamente popolate con una grande presenza di civili, specialmente ad Aleppo.

Il suo ruolo in quel conflitto lo ha portato a ricevere il titolo di Eroe della Federazione Russa. Nel 2020, il presidente russo Vladimir Putin lo ha promosso al grado di generale.

Nei mesi in cui Dvornikov guidò la campagna russa, si stima che ci siano stati quasi 10.000 bombardamenti, soprattutto ad Aleppo, Homs e in altre città più piccole. Con questo, è riuscito a rompere la volontà dei civili, dopo aver attaccato le infrastrutture di base come ospedali e fonti d’acqua.

- Advertisement -

Un funzionario occidentale ha confermato che la Russia aveva ora riorganizzato il comando delle sue operazioni in Ucraina con il generale ora in carica che aveva una vasta esperienza dalla Siria.

“C’era davvero uno scarso coordinamento tra quei diversi comandi”, ha detto il funzionario, dal momento che le forze russe non si erano mai addestrate per lavorare in questo modo. Il comandante del distretto militare meridionale è ora incaricato delle operazioni per cercare di fornire un migliore coordinamento: si dice che sia il generale Alexander Dvornikov, comandante del distretto militare meridionale della Russia, di condurre una “operazione per migliorare il coordinamento”. 

“Questo particolare comandante ha una vasta esperienza nelle operazioni russe in Siria”, ha detto il funzionario.  

Secondo il funzionario la Russia vuole avere successo nella guerra in Ucraina fino al 9 maggio. Ora i funzionari occidentali stanno già dicendo che vedono l’invio di forze aggiuntive verso il Donbass in alcune parti. I russi non si fermano, il che impedisce alle sue truppe di raggrupparsi correttamente

“C’è una contraddizione tra la logica militare di addestrare adeguatamente le forze per intensificare l’operazione russa nel Donbas, il potenziale uso di tattiche più appropriate e le lezioni apprese da operazioni catastrofiche e l’imperativo politico di agire effettivamente e muoversi rapidamente”, ha affermato .

Si stima che la Russia abbia circa 100 gruppi tattici di battaglione che può utilizzare in guerra. Tuttavia, anche con più truppe, il Cremlino sta perdendo. L’esercito ucraino è molto più intelligente e improvviso, scoraggia efficacemente gli occupanti, anche se ce ne sono di più.

“Se la Russia non può cambiare tattica e utilizzare tutti gli strumenti a proprio vantaggio in modo molto più efficace, se non può, è molto difficile vedere come riesca a raggiungere anche gli obiettivi limitati che si è prefissata. E, ovviamente, no a quel ritmo,  che penso sperano”. 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati