Dati Covid in tempo Reale

All countries
163,184,616
Confermati
Updated on 16 May 2021 05:43
All countries
142,613,971
Ricoverati
Updated on 16 May 2021 05:43
All countries
3,383,718
Morti
Updated on 16 May 2021 05:43
spot_img

UE. Portavoce Borrell replica al Nyt. “Mai inchinati a pressioni politiche esterne”

Agenpress – “Le pubblicazioni del Seae (Servizio Esterno dell’Unione) sono indipendenti. Non ci siamo mai inchinati ad alcuna presunta pressione politica esterna”.

Il portavoce dell’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell respinge con fermezza le accuse avanzate dal New York Times.

Si legga:  https://www.alexahm.com/vulci3/2020/04/27/coronavirus-nyt-ue-ha-modificato-un-rapporto-dopo-le-minacce-di-ritorsioni-da-pechino/

Secondo il quotidiano statunitense l’Ue avrebbe ceduto alla Cina a “ammorbidito” il rapporto sulle responsabilità cinesi sulla disinformazione. Ma secondo il portavoce le accuse avanzate dal Nyt sono “infondate e imprecise” e l’articolo “contiene conclusioni effettivamente errate sulla relazione del Seae”.

Alla base delle argomentazioni del portavoce ci sono due documenti:
“l’Information Environment Assessment”, a uso interno, e il “Rapporto speciale del Servizio europeo per l’azione esterna” che è, invece, pubblico. In sostanza l’ipotesi del giornale è che il testo della versione pubblica sia stato edulcorato rispetto a quanto contenuto nella versione interna del Rapporto. Un’ipotesi ritenuta dal portavoce Ue del tutto “fuorviante”.

“Il rapporto speciale pubblico del Seae – spiega il portavoce di Borrell – fa chiaro riferimento al continuo uso delle narrazioni sulla cospirazione e disinformazione da parte di fonti governative e sostenute dallo Stato, tra cui Russia e Cina. Confrontando il rapporto interno trapelato e il rapporto pubblicato, la somiglianza dei rapporti mostra che non c’erano differenze sostanziali”.

Per sostenere la sua tesi, l’articolo del Nyt – conclude il portavoce – “riferisce conversazioni interne trapelate fuori dal contesto e cita lo staff senza il suo consenso. Abbiamo scritto una lettera all’editore del New York Times per esprimere la nostra delusione per l’articolo e li abbiamo invitati a consultare il sito Web euvsdisinfo.eu per comprendere appieno l’estensione del lavoro del Seae”.

 

 

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati