Usa. Ambasciatore Mosca accusa l’Ucraina di aver pagato 25 dollari a persona per finta strage a Bucha

- Advertisement -

AgenPress – L’ambasciatore di Mosca a Washington ha ribadito le affermazioni del suo paese secondo cui l’Ucraina ha simulato un massacro presumibilmente compiuto dalle truppe russe nella città di Bucha e che tali accuse potrebbero minacciare di svelare i colloqui di pace in corso tra le due nazioni.

“Ogni giorno, le autorità ucraine stanno intensificando la loro campagna di disinformazione anti-russa, diffondendo nuove accuse infondate su presunte atrocità e crimini di guerra delle forze armate della Federazione Russa”, ha detto a Newsweek l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov .

- Advertisement -

“A giudicare da tale retorica”, ha aggiunto, “la leadership dell’Ucraina è guidata non tanto dalla preoccupazione per i civili quanto dal desiderio di consolidare la propria immagine di ‘vittima’ e diffamare il nostro Paese”, affermando di sapere “per certo che il regime di Kiev sta preparando un altro contenuto provocatorio sulla morte di civili nella regione di Kharkov, presumibilmente come risultato delle azioni delle forze armate russe”. “Le persone – afferma – vengono pagate 25 dollari per partecipare alle riprese inscenate”. 

Gli alleati statunitensi ed europei che sostengono anche l’Ucraina nel tentativo di respingere l’incursione lanciata il 24 febbraio dal presidente russo Vladimir Putin hanno reagito con forza alle notizie, comprese immagini e filmati, che pretendono di mostrare civili uccisi, alcuni che sembrano essere stati uccisi nell’esecuzione- stile, lungo le strade di Bucha, situata a meno di due dozzine di miglia dalla capitale Kiev (scritta Kiev dalla Russia).

Antonov, infatti, ricorda “che il 31 marzo, il sindaco della città di Bucha [Anatoly] Fedoruk ha dichiarato il ritiro delle truppe russe e non ha detto una parola sui residenti colpiti. Le prime accuse sono apparse sui media occidentali solo il 3 aprile”.

- Advertisement -

“Sembra improbabile che nessuno abbia notato i corpi morti che giacevano sulle strade per 4 giorni”, sottolinea il diplomatico. “Il primo aprile – ricorda – sono arrivati i rappresentanti del servizio di sicurezza dell’Ucraina e della polizia nazionale. Hanno annunciato la loro intenzione di liberare il territorio dai complici russi. I radicali ucraini hanno persino chiesto l’esecuzione dei cittadini comuni che non hanno segni di identificazione speciali”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati