Dati Covid in tempo Reale

All countries
242,936,033
Confermati
Updated on 21 October 2021 12:20
All countries
218,467,675
Ricoverati
Updated on 21 October 2021 12:20
All countries
4,940,344
Morti
Updated on 21 October 2021 12:20

Usa sanziona 24 funzionari cinesi e di Hong Kong in vista dell’incontro tra Blinken e Pechino

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Washington ha sanzionato 24 funzionari cinesi e di Hong Kong per la repressione in corso da parte di Pechino nei confronti della città, prima dell’incontro del Segretario di Stato americano Antony Blinken con i massimi diplomatici cinesi in Alaska alla fine di questa settimana.

Le sanzioni sono state introdotte in risposta all’imposizione da parte di Pechino di una nuova legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong che vieta la secessione, la sovversione e la collusione con forze straniere.
Tra quelli sanzionati ci sono Wang Chen, un membro del Politburo di 25 persone, uno dei massimi organi decisionali della Cina, e Tam Yiu-chung, l’unico di Hong Kong nel comitato che ha redatto la legge sulla sicurezza nazionale.
La leader di Hong Kong Carrie Lam, precedentemente sanzionata dall’HKAA, ha affermato che la decisione l’ha effettivamente tagliata fuori dal sistema bancario globale , costringendola ad accumulare contanti perché le banche non faranno affari con lei.
Blinken ha affermato che la mossa era in risposta alle nuove restrizioni introdotte da Pechino sulla democrazia a Hong Kong, che limiteranno ulteriormente il diritto delle persone in città di candidarsi alle elezioni .
Blinken ha detto che le nuove sanzioni sottolineano “la nostra profonda preoccupazione per la decisione del Congresso nazionale del popolo dell’11 marzo di minare unilateralmente il sistema elettorale di Hong Kong”.
Quelli sanzionati includono più membri senior dell’NPC, il parlamento cinese dei timbri e le forze dell’ordine a Hong Kong. Anche alcuni dei massimi comandanti della polizia sono stati sanzionati in precedenza .
“Questa azione mina ulteriormente l’alto grado di autonomia promesso alle persone di Hong Kong e nega agli abitanti di Hong Kong una voce nel proprio governo, una mossa che il Regno Unito ha dichiarato essere una violazione della Dichiarazione congiunta sino-britannica”, ha detto Blinken .
“Una Hong Kong stabile e prospera che rispetti i diritti umani, le libertà e il pluralismo politico serve gli interessi di Hong Kong, della Cina continentale e della più ampia comunità internazionale. Gli Stati Uniti sono uniti ai nostri alleati e partner nel parlare per i diritti e libertà delle persone a Hong Kong, e noi risponderemo quando la RPC non adempie ai suoi obblighi “, ha aggiunto.
Le sanzioni arrivano quando il legislatore di Hong Kong dovrebbe prendere in considerazione un nuovo disegno di legge che stabilisce un test di “patriottismo” per coloro che si candidano alle elezioni, che dovrebbe limitare la maggior parte dei membri dell’opposizione tradizionale. L’approvazione del disegno di legge è garantita, poiché attualmente il legislatore non ha membri dell’opposizione, dal momento che i legislatori pro-democrazia si sono dimessi in massa per protestare contro l’espulsione di molti dei loro colleghi l’anno scorso.
La decisione di Washington arriva dopo che Blinken ha espresso preoccupazione durante un incontro con le sue controparti a Tokyo per l’uso da parte della Cina di “coercizione e aggressione per erodere sistemicamente l’autonomia a Hong Kong, indebolire la democrazia a Taiwan, abusare dei diritti umani nello Xinjiang e in Tibet, e affermare rivendicazioni marittime”. nel Mar Cinese Meridionale che violano il diritto internazionale “.
In risposta a questi commenti, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha detto martedì che gli scambi tra Stati Uniti e Giappone dovrebbero aiutare ad aumentare la comprensione e la fiducia reciproche tra i paesi della regione e “non prendere di mira o minare gli interessi di terzi”.
Le nuove sanzioni potrebbero trarre una risposta molto più forte da Pechino, che ha cercato un tentativo di riavvicinamento con l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, anche se in gran parte alle condizioni della Cina.

Altre News

Articoli Correlati